FIGLI

Pericolo zecche: come proteggere i bambini in vacanza

Le punture di zecche sono purtroppo molto comuni e al tempo stesso sono anche pericolose. Ecco qualche semplice consiglio per prevenire spiacevoli incidenti durante le vacanze, soprattutto in montagna e in campagna.
LEGGI IN 2'

Un pericolo tipico dell'estate e delle vacanze in montagna sono le zecche e le relative punture. Ogni anno, il 25% dei casi rilevati riguardano i bambini. Ci sono alcune precauzioni che puoi prendere per proteggere i piccoli da eventuali morsi e impedire di sviluppare la malattia di Lyme.

Che cos'è la malattia di Lyme?

Trasmessa dal morso di zecca, la malattia di Lyme può alterare il funzionamento di alcuni organi, influenzare il sistema nervoso e le articolazioni. Oggi, particolari esami biologici e una migliore conoscenza della malattia da parte dei medici generici consentono di diagnosticarla molto più facilmente, rispetto al passato.

Come si proteggono i bambini?

Attenzione ai vestiti soprattutto in mezzo alla natura, nei boschi o in campagna. Durante le escursioni fategli indossare pantaloni leggeri ma lunghi, oppure calzettoni al ginocchio, scarpe chiuse e una maglia a maniche lunghe.

Ispeziona il piccolo dopo una gita. È importante osservare scrupolosamente il cuoio capelluto, la schiena, le pieghe e gli angoli, incluso l'ombelico, dove le zecche amano restare. È meglio fare una doccia o un bagno a tuo figlio entro due ore dalla passeggiata, per essere sicuri di rimuovere rapidamente un segno di spunta. Prima eventualmente si stacca la zecca (entro le 12 ore), meno il bambino rischia la contaminazione.

In caso di morso?

È importante avere nel kit medico un morsetto per eliminare il segno di spunta, che costa meno di 10 euro, e ti permette di rimuovere l'insetto in sicurezza. Dimentica i vecchi metodi basati sull'olio o sull'etere. Porta poi il bambino dal medico: se il bimbo è un portatore di Borreliosi di Lyme, ci vuole un breve trattamento antibiotico di 3-5 giorni, che inibirà o distruggerà l'agente infettivo.

D'altra parte, se non hai visto un segno di spunta sul corpo di tuo figlio ma noti un rossore di 4-5 cm di diametro (che non sembra una reazione allergica), recati comunque dal medico. L'eritema migrante è un segno indiscutibile di un morso da una zecca infetta. In questo caso, verrà prescritto un trattamento curativo, della durata di 14-21 giorni.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione