GUIDE ECO

Quali sono i principali problemi ambientali del 2022?

LEGGI IN 2'

La Terra sta vivendo quella che è stata definita crisi climatica. Non è un unico problema, ma una serie di fattori che giocano un ruolo nella sua esacerbazione, ce ne sono alcuni che richiedono più attenzione di altri. Quali sono?

Il riscaldamento globale dai combustibili fossili. Attualmente (ma i valori continuano a cambiare) la CO2 PPM (parti per milione) è a 418 e l' aumento della temperatura globale è di 1,1 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.  L'ultima volta che i livelli di anidride carbonica sul nostro pianeta sono stati così alti come oggi è stato più di 4 milioni di anni fa. La crisi climatica sta facendo sì che le tempeste tropicali e altri eventi meteorologici come uragani, ondate di caldo e inondazioni siano più intensi e frequenti di quanto si fosse visto prima.

Insicurezza alimentare e idrica. L'aumento delle temperature e le pratiche agricole non sostenibili hanno portato alla crescente minaccia dell'insicurezza idrica e alimentare e hanno assunto il ruolo di uno dei maggiori problemi ambientali di oggi.  A livello globale, più di 68 miliardi di tonnellate di suolo superficiale vengono erose ogni anno a una velocità 100 volte più veloce di quella che può essere naturalmente reintegrata. Carico di biocidi e fertilizzanti, il suolo finisce nei corsi d'acqua dove contamina l'acqua potabile e le aree protette a valle.  In termini di sicurezza idrica, solo il 3% dell'acqua mondiale è acqua dolce e due terzi di quella è nascosta nei ghiacciai ghiacciati o altrimenti non disponibile per il nostro utilizzo. Di conseguenza, circa 1,1 miliardi di persone nel mondo non hanno accesso all'acqua e un totale di 2,7 miliardi trova l'acqua scarsa per almeno un mese all'anno. Entro il 2025, due terzi della popolazione mondiale potrebbero trovarsi di fronte a una carenza d'acqua.

Rifiuti alimentari. Un terzo del cibo destinato al consumo umano – circa 1,3 miliardi di tonnellate – viene sprecato o perso. Questo è sufficiente per sfamare 3 miliardi di persone. Gli sprechi e le perdite alimentari rappresentano annualmente un terzo delle emissioni di gas serra; se fosse un paese, lo spreco alimentare sarebbe il terzo più alto emettitore di gas serra, dietro Cina e Stati Uniti.

Perdita di biodiversità. Gli ultimi 50 anni hanno visto una rapida crescita del consumo umano, della popolazione, del commercio globale e dell'urbanizzazione, con il risultato che l'umanità utilizza più risorse della Terra di quante ne possa rifornire naturalmente.  Un recente rapporto del WWF ha rilevato che le dimensioni della popolazione di mammiferi, pesci, uccelli, rettili e anfibi hanno registrato un calo in media del 68% tra il 1970 e il 2016. Più di 500 specie di animali terrestri sono sull'orlo dell'estinzione e rischiano di scomparire entro 20 anni.

Inquinamento da plastica. Nel 1950, il mondo produceva più di 2 milioni di tonnellate di plastica all'anno . Entro il 2015, questa produzione annuale è aumentata a 419 milioni di tonnellate e ha esacerbato i rifiuti di plastica nell'ambiente. Un rapporto della rivista scientifica Nature, ha stabilito che attualmente, circa 14 milioni di tonnellate di plastica si fanno strada negli oceani ogni anno, danneggiando gli habitat della fauna selvatica e gli animali che li vivono.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione