TEMPO LIBERO

4 poesie di Pasqua per i bambini della scuola infanzia

LEGGI IN 2'

Pasqua è periodo di vacanze e di ritrovi con amici e parenti. I più piccoli fanno il conto alla rovescia dei giorni che li separano dalla recita della poesia che hanno provato, riprovato e vogliono presentare ai loro cari con un pizzico di orgoglio. L'occasione giusta per condividere teneri momenti con mamma e papà. Da leggere insieme e recitare con l'aiuto dei fratelli più grandi. Tra le poesie più note, e semplici, adatte anche ai bambini che frequentano la scuola dell’infanzia, ecco 4 testi che ricreano l’atmosfera di attesa e sopresa tipica della Pasqua.  Una maniera semplice ma coinvolgente per augurare a tutta la famiglia "Buona Pasqua".


Da dove viene?

Da dove viene l’uovo di cioccolato

se nessuno l’ha mai covato?

Da dove viene l’uovo dipinto

che quando lo mangi è vero e non è finto?

Da dove viene l’uovo con la sorpresa

se le galline non fanno la spesa?

(Giusi Quarenghi)


E’ Pasqua

Alla Pasqua

Dell’anno passato

Un palloncino

Mi era scappato.

Mi era scappato

Nell’alto del cielo,

Io lo guardavo

E piangevo piangevo.

Anche quest’anno

Un pallone è volato

Ma io ho riso

Felice e beato.

Il palloncino

È andato lassù

Ma io quest’anno

Non piango più.

(Roberto Piumini)

 

Il pulcino marziano 

Ho visto, a Pasqua, sbarcare

dall’uovo di cioccolato

un pulcino marziano.

Di certo il comandante

di quell’uovo volante

di zucchero e cacao

con la zampa ha fatto ciao.

E il gatto, per la sorpresa,

non ha detto neanche: “Miao”.

(Gianni Rodari)

 

Autoritratto

Io uovo di Pasqua

ho carta e carta addosso

un fiocco rosa stretto

cioccolato nero in fronte

pulcini a mille in testa

sto dietro al vetro

con una sorpresa dentro.

(Vivian Lamarque)

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione