IN FORMA

Cos'è il Long Covid: sintomi

LEGGI IN 2'

Chi ha avuto l'infezione da nuovo Coronavirus, potrebbe non essere del tutto guarito al momento del tampone negativo d'uscita dall'isolamento. Non si è più infettivi, ma si rischia di soffrire dei sintomi del Long Covid, che interessa sempre più pazienti che sono risultati in precedenza positivi al virus SARS-CoV-2. Virus che dal 2020 tiene sotto scacco il mondo intero, con una pandemia che ha causato purtroppo molti decessi. Sai cos'è il Long Covid e quali sono i suoi sintomi?

Il Long Covid è una sindrome clinica che si manifesta con una sintomatologia collegabile a quella dell'infezione da SARS-CoV-2. I sintomi possono insorgere e durare per settimane o mesi dopo la guarigione e non sono uguali in tutti i pazienti, sia per tipologia sia per livello di intensità.

Sintomi del Long Covid

La sindrome clinica interessa molti pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di Covid-19 con tampone positivo. A un mese dalla fase acuta dell'infezione, quando ormai si è guariti, ci sono ancora dei segni che rimandano all'infezione pregressa. Tali sintomi, che variano da persona a persona, sono generalmente:

  • stanchezza
  • affaticamento
  • debolezza
  • dolori muscolari
  • mancanza di appetito
  • dolori articolari

Ci sono poi sintomi specifici, che riguardano gli apparati respiratorio, cardiovascolare, neurologico, gastrointestinale e psicologico:

  • dispnea o fame d'aria
  • tosse persistente
  • mal di testa
  • difficoltà a concentrarsi
  • problemi di memoria
  • dolore al petto
  • tachicardia
  • palpitazioni
  • variazioni della pressione del sangue
  • pericarditi
  • miocarditi
  • disturbi dell’olfatto, del gusto, dell’udito
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • reflusso
  • disturbi del sonno
  • ansia
  • stress
  • disturbi dell'umore
  • psicosi

Non tutti coloro che hanno avuto la Covid-19 sviluppano il Long Covid. Tra i fattori di rischio ci sono l'obesità, il diabete di tipo 2, l'età avanzata, il sesso femminile, l'ospedalizzazione per l'infezione. Se noti questi sintomi, anche a distanza di tempo dalla guarigione dal nuovo coronavirus, parlane subito con il tuo medico curante.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione