VISO E CORPO

Lividi e foruncoli dopo la ceretta: ecco le cause

La ceretta, per alcune persone, è davvero molto dolorosa. E anche quando il male non è immediato, potrebbero comparire dei segni molto evidenti, come lividi e foruncoli, che possono dare fastidio anche a lungo.
LEGGI IN 2'

Puoi sopportare bene il dolore, ma lo strappo è un evento traumatico per la pelle. Può succedere quindi che sulla pelle si formino dei lividi, dei dossi piccoli che si trasformano in qualcosa di dolorosamente sgradevole, ovvero enormi e infiammati foruncoli, dopo la ceretta. Come mai?

I peli risiedono nei follicoli piliferi della pelle. Durante la ceretta vengono strappati con forza e ciò provoca stress sulla pelle. La risposta di base del corpo è l'infiammazione del sito sottoposto a questo stress.

Questo gonfiore dei follicoli piliferi di solito si riduce da solo in un giorno o due. A volte, questi follicoli possono essere infettati e sviluppare protuberanze riempite con un liquido. Questi appaiono come protuberanze bianche e potrebbe volerci un po' prima che scompaiano da sole.

Talvolta invece compaiono dei veri e propri lividi. Succede soprattutto nelle zone più delicate, come linguine e le palpebre. Sono capillari che si rompono e può dipendere dal calore della cera, da uno strappo non troppo deciso che ha tirato non solo il pelo ma anche la pelle. Come si curano?

Aloe. Questo rimedio può essere utilizzato per trattare le protuberanze della ceretta su parti del corpo come il petto e le gambe, nonché la zona bikini. L'aloe vera lenisce l'infiammazione e il prurito.

Olio dell'albero del tè. Può essere un vero toccasana e uno dei migliori oli essenziali per il trattamento delle protuberanze da ceretta. Previene le infezioni grazie alle sue proprietà antibatteriche, antimicotiche e antivirali. Inoltre accelera il naturale processo di guarigione della pelle.

Impacco freddo. Il ghiaccio serve per evitare la formazione di lividi. Se ti sei accorta di aver patito davvero male, la cosa migliore è applicare un po’ di ghiaccio (non direttamente a contatto con la pelle).

Olio di cocco. È più una misura preventiva che un rimedio. Lenisce la pelle infiammata e arrossata. È anche un emolliente che può condizionare e idratare la pelle. Il suo contenuto di antiossidanti aiuta ad accelerare il processo di recupero dopo la depilazione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta