IDEE IN CUCINA

Le proprietà del Kamut

LEGGI IN 2'

Le proprietà del Kamut

Sempre più diffuso negli ultimi anni, il kamut è un frumento molto amato da chi preferisce scegliere cibi biologici e nutre particolare attenzione per un’alimentazione sana ed equilibrata.

Un po’ di storia
La sua scoperta, in realtà, risale a millenni fa quando veniva coltivato nella famosa ‘Mezzaluna fertile’, quella regione che si estendeva fra l’Egitto e la Mesopotamia. Dopo un grande periodo di diffusione, il kamut scomparve per un lungo periodo, per poi fare ritorno grazie ad un aviatore americano. A metà strada tra storia e leggenda, questo ‘famoso aviatore’ ne recuperò alcuni chicchi proprio dentro una tomba egizia.

Trapiantato in America, il kamut prese, appunto, il nome di ‘grano del faraone’. Una leggenda davvero molto affascinante ma da attribuire probabilmente al lavoro commerciale della società a cui appartiene questo cereale. È utile precisare, infatti, che Kamut non è il nome di un cereale come lo sono, ad esempio, grano, orzo e simili ma piuttosto quello di un marchio registrato: Kamut Enterprises of Europe bvba. La nascita di questo marchio va attribuita a Bob Quinn, agricoltore americano che lanciò il cereale negli anni ’70.

Le caratteristiche
Il kamut non ha bisogno di fertilizzanti artificiali, di pesticidi o di alterazioni genetiche dell’agricoltura moderna ma riesce a rimanere una coltivazione completamente biologica. La concimazione, infatti, avviene impiegando metodi completamente naturali.

In ogni caso, è bene ricordare che il kamut e i prodotti a base di esso non sono adatti ai celiaci perché appunto contengono glutine. I consumatori ideali di questo cereale sono tutte quelle persone che si ritrovano a soffrire di allergie alimentari, perché altamente tollerabile, gli atleti, in quanto molto energetico e tutti coloro che sono particolarmente attenti alla loro alimentazione.

Gli elementi più importanti e significativi del kamut sono:
- l’alta digeribilità;
- il grande contenuto proteico, circa dal 20% al 40% in più rispetto ad altri grani più comuni;
- l’elevata percentuale di lipidi che lo rende altamente nutritivo;
- il grande apporto energetico;
- la presenza di selenio, un oligoelemento che riduce la presenza di radicali liberi;
- contiene molto beta-carotene;
- il 30% in più di vitamina E;
- alto valore nutrizionale: 100 g di Kamut equivalgono a 335 calorie.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione