IN FORMA

Elettrostimolazione, può aiutare a perdere peso?

L'elettrostimolazione da sola non ha alcun effetto sulla perdita di peso, soprattutto se fatta a casa. Ci sono però delle sessione di allenamento abbinate a tutine con elettrodi che possono aiutarti se segui anche la dieta.
LEGGI IN 2'

Perdere peso non è sempre facile, anzi talvolta è molto frustante. È quindi abbastanza normale cercare una strada che renda più facile il percorso. Hai pensato all’elettrostimolazione: che cos’è? Funziona veramente?

Il rafforzamento dei muscoli con un dispositivo, magari applicato sul divano di casa in totale relax, non ha alcun effetto sulla perdita di peso. Ci sono però dei centri fitness o pilates che offrono elettrostimolazione per tutto il corpo (Miha Bodytec, Wave, Xbody... circa 40/45 € a seduta, pacchetti decrescenti). In questo caso, indossi una tuta corta su cui sono posizionati un gilet e cinghie munite di elettrodi in punti strategici - glutei, cosce, schiena, pettorali, addominali ... Una dozzina di elettrodi ti permettono di lavorare contemporaneamente tutte le aree del corpo attraverso diversi esercizi. La sessione dura 20 minuti.

Queste contrazioni simultanee combinate con il movimento aumentano la frequenza cardiaca e, ovviamente, ti fanno sudare e bruciare calorie. I ricercatori dell'Università di Granada hanno dimostrato che questo tipo di sessione aumenta il metabolismo per le 72 ore successive. Ma soprattutto ti permette di tonificare tutta la tua silhouette: i risultati iniziano a vedersi dopo 4-6 settimane... ovviamente a patto di prestare attenzione, allo stesso tempo, alla tua dieta.

Le sessioni di elettrostimolazione total body non dovrebbero sostituire tutte le sessioni sportive ed è meglio alternarle con sessioni di corsa, ellittica, canottaggio da 2 a 3 volte a settimana. E, ricordati, che anche questa forma di ginnastica, non è esenti dai rischi.

Che cosa devi fare? Devi limitare il numero di sedute: da 1 a 2 a settimana, lasciando sempre un periodo di riposo di almeno 48 ore. Inizia con l'intensità più bassa che ti permetta di sentire la contrazione e aumenta solo durante le sessioni. Se dopo una sessione i tuoi dolori persistono per più di 48 ore, diminuisci l'intensità la volta successiva.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta