IN ITALIA

Primavera siciliana

LEGGI IN 2'

È nella tradizione del nostro paese vivere la Settimana Santa attraverso manifestazioni religiose legate a tradizioni storiche e mescolate a volte a riti pagani. La rievocazione della Passione e della Resurrezione di Cristo è unita al risveglio della natura quindi all'arrivo della Primavera dopo il lungo sonno invernale, la vita che trionfa di nuovo sulla morte. In alcune regioni, come la Sicilia, si allestiscono intense rappresentazioni che colpiscono per il loro impatto emotivo, ogni Comune siciliano riproduce a suo modo scene legate alla Passione di Cristo.

ENNA. Dalla domenica delle Palme fino al mercoledì Santo ognuna delle 15 confraternite, ciascuna nel giorno e nell'ora stabilita, va in processione dalla chiesa di appartenenza verso il Duomo per l' adorazione solenne della Eucaristia durante il rito chiamato dagli ennesi 'ura'. Il Venerdì Santo viene rappresentata la Passione di Cristo con una processione che coinvolge circa duemila rappresentanti delle Congregazioni che appaiono incappucciati nei costumi tipici della confraternita. Sfilano portando i 25 simboli del Martirio di Gesù detti 'misteri, che sono la croce, la borsa con i trenta denari, la corona, la lanterna, il gallo, i chiodi e gli arnesi per la flagellazione e le 'vare' del Cristo morto e dell'Addolorata. I confrati odierni sono professionisti, studenti e impiegati, di sesso maschilei. La Domenica di Pasqua con la cerimonia detta 'a Paci' nella piazza adiacente al Duomo, avviene l'incontro tra le statue del Cristo risorto e della Madonna che successivamente vengono portate all'interno della chiesa dove rimangono esposte alla venerazione dei fedeli per una settimana. Questi riti risalgono al periodo della dominazione spagnola (XV-XVII sec).

ADRANO (CATANIA). Ad Adrano la domenica di Pasqua si svolge la sacra rappresentazione d'origine medioevale detta la "diavolata" che va in scena da 250 anni. Sfruttando lo scenario ideale della piazza Umberto arricchita dalla presenza del Castello, viene preparato un palco in cui si inscena la vittoria del bene sul male: cinque diavoli vestiti di rosso escono da una botola accompagnati da fiammate e fumo, con Lucifero, la Morte (che indossa un abito raffigurante uno scheletro) ed un angelo rappresentato da un bambino. Dopo una serie di battaglie e di discussioni, l'Arcangelo Michele costringe i diavoli a pronunciare la frase "Viva Maria".

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta