CONSIGLI DI VIAGGIO

In Egitto: quando le crociere sono viaggi nella storia

LEGGI IN 2'

Tra i tanti viaggi in Egitto proposti ogni anno dai tour operator il più gettonato resta sempre la crociera sul Nilo. E a conti fatti, questa tipo di viaggio resta il modo migliore per vedere un paese dal cuore stesso del suo territorio: il suo fiume.

Le crociere sul Nilo permettono di vedere le antiche città come Luxor ma anche di girare per le mille strade di una megalopoli come Il Cairo, senza dimenticare l’ipnotico paesaggio che potrete ammirare ogni giorno dalla nave, costeggiando le rive del fiume Nilo, ricche di sabbia e di palmeti.

Solitamente una crociera classica dura sette giorni e parte proprio da Luxor, dalla quale il giorno seguente si parte per visitare i suoi templi, quelli di Karnak, la meravigliosa Valle dei Re, i Colossi di Memnone. Il giorno seguente è la volta di Edfu il quarto quello del maestoso tempio di Abu Simbel che Ramsete II fece scavare dentro una montagna per celebrare la sua gloria. Il tempio poi fu salvato e spostato grazie anche alla maestria degli ingegneri italiani. Il quinto giorno visiterai la diga di Aswan, finché raggiungerai Il Cairo, con le sue piramidi di Cheope, Chefren e Micerino, la Sfinge, la necropoli di Sakkara, le mastabe, la città dei morti, il Museo egizio e i mille mercati, tra i quali quello di Khan el Khalili, vero e proprio labirinto vicoli affollatissimi.

I viaggi in Egitto lasciano il segno. Non è solo l’acqua del Nilo, o la sabbia del deserto o la maestosità delle opere millenarie. È l’insieme di queste cose che unite ci lasciano l’impressione di un universo perfetto, non molto diverso da un paradiso, che, anche se perduto e lontano nel tempo, fortunatamente è rimasto ancora integro per farsi ammirare da noi. Ora come allora. 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione