ALL'ESTERO

La verde Irlanda

LEGGI IN 2'

L'Irlanda presenta un territorio piuttosto vario: lungo la costa occidentale con le sue scogliere imponenti, troviamo anche i maggiori rilievi montuosi; la zona interna, detta anche Midlands, si presenta invece pianeggiante ed è essenzialmente caratterizzata da terreni molto fertili; a ovest il terreno si impoverisce e la coltivazione tipica è fatta da piccoli campi di patate e piccoli allevamenti di pecore e bovini. Il principale fiume è lo Shannon: scorre per circa 250 km dalle Cuilcagh Mountains del Cavan e attraversa le Midlands sfociando a ovest di Limerick. Come tutti i fiumi e i laghi dell'isola è ricco di trote e salmoni.

La corrente del Golfo proveniente dall'Atlantico mitiga il clima dell'isola, che ha così inverni difficilmente rigidi. Generalmente i mesi più freddi sono gennaio e febbraio mentre i più caldi sono luglio e agosto in cui le temperature medie si aggirano attorno ai 20 gradi.

Nella Repubblica d'Irlanda, così come in Italia, è stato adottato l'Euro; benché ufficialmente il sistema di riferimento delle misure sia il metrico decimale, viene ancora molto utilizzato il vecchio sistema anglosassone. La guida è a sinistra (al contrario rispetto alle norme vigenti in Italia).

Numerose sono le possibilità per muoversi attraverso l'isola. La scelta migliore probabilmente è quella di affittare un'automobile in modo tale da potersi spostare da città in città senza perdere però i magnifici panorami che la campagna irlandese offre. In alternativa si può scegliere di muoversi in treno o con i bus che collegano le varie città; infine per i patiti di equitazione esiste anche la possibilità di viaggiare attraverso l'isola a cavallo oppure a piedi attraverso splendidi itinerari immersi nella natura.

La scelta degli itinerari possibili in Irlanda è vasta e molti tour operator propongono soluzioni diversificate, interessanti e vantaggiose con partenze da vari aeroporti della nostra penisola.

Per chi invece volesse far da sé, non mancano certo gli spunti per una vacanza a tema: da un classico giro dei castelli e delle rocche a un itinerario maggiormente naturalistico, attraverso le campagne e i grandi parchi naturali dell'isola fino alle splendide scogliere; seguire le tracce della cultura gaelica oppure mettersi sulle tracce di fate e folletti e incrociare magari il leggendario Puck, sperando non sia in vena di qualcuno dei suoi scherzi.

Durante tutto l'anno in tutta l'isola si susseguono numerosi festival e manifestazioni: da quelli tipicamente folkloristici a quelli culturali oppure musicali, dove è possibile ascoltare la tradizionale musica irlandese suonata da piccoli complessi formati da violino, chitarra, e "uillen", le cornamuse irlandesi. A cui spesso si aggiungono due cucchiaini manovrati come fossero nacchere e il "bodhran", un grande tamburo di pelle di capra.

Partecipare ai festeggiamenti per qualcuna di queste occasioni, come ad esempio quelli in programma il 17 marzo per san Patrizio patrono dell'isola, è certamente un ottimo modo per entrare in contatto con la cultura e la gente d'Irlanda. Gente che pur proiettata verso il futuro, mantiene un profondo legame con un passato ricco di storia e tradizione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta