CANI E GATTI

Collega a quattro zampe

Un problema che da sempre affligge chi possiede un cane: come fare per non farlo soffrire quando si è costretti ad assentarsi per lavoro per tutta la giornata? I cani, si sa, soffrono molto la lontananza, e rischiano di vivere in modo patologico questo distacco, con conseguenze anche per la salute.
LEGGI IN 1'

Eppure la soluzione esiste. Arriva dall’Austria l’idea di risolvere il problema permettendo agli amici a quattro zampe di affiancare gli amati padroni sul loro posto di lavoro. Tutto grazie ad un apposito corso di addestramento che allena animali e padroni a stare in ufficio.

Lo conferma uno studio della Central Michigan University, secondo cui la presenza di cani in ufficio aumenta la produttività e lo spirito collaborativo tra i colleghi d’ufficio. L’effetto pet therapy agisce quindi anche sul luogo di lavoro, migliorando la fiducia e la coesione di squadra.

Non mancano poi riscontri anche all’atto pratico. Nelle aziende di dimensioni più grandi, dove è stata consentita la presenza di animali, si è riscontrata una migliore qualità del lavoro, con un numero minore di assenze per malattia o casi di mobbing.

Portare con sé il cane in ufficio, quindi riduce lo stress e aiuta a lavorare meglio. Una vera e propria terapia di gruppo, una ventata di allegria e affetto ideale per scaricare le tensioni e appianare i conflitti. Prima però sia il cane che il padrone devono superare un attento esame.

Il cane, preferibilmente a partire dal primo anno di età, viene messo alla prova attraverso varie situazioni comportamentali. Un test che certifica se Fido è pronto per stare sul luogo di lavoro. Anche il proprietario dovrà dimostrare di conoscere le principali esigenze del cane, il suo comportamento e le leggi in vigore sulla sua condotta.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta