GIARDINAGGIO

Come tagliare l’erba correttamente

E' importante imparare a tagliare l'erba al momento e nel modo giusto, questo ti permette di risparmiare tempo, fatica ma anche di mantenere la tua erba in salute. Ecco qualche consiglio per scegliere il tagliaerba.
LEGGI IN 2'

Tagliare bene il prato è una sorta di arte e va imparata. Quando e come deve essere falciato? Prima di tutto non devi tagliarlo quando l' erba è bagnata. Ciò può causare malattie nel prato e si corre il rischio di scivolare e ferirsi. Quindi il periodo subito dopo un temporale o la mattina presto quando l'erba è ancora coperta di rugiada non è un buon momento.

Non devi tagliarlo neanche al tramonto dopo un lungo pomeriggio di calore. Il momento migliore è tardo pomeriggio, se non fa caldo, o dopo cena, purché ci sia ancora luce. Se ti consideri un ambientalista, un  rasaerba a bobina potrebbe essere la scelta giusta per te. I tosaerba a bobina o i tosaerba a spinta non hanno una fonte di alimentazione diversa dal muscolo dell'operatore. Questo li rende silenziosi ed ecologici. Tuttavia, hanno dei limiti. Non sono adatti all’erba alta.

Un altro tipo popolare di tosaerba è quello elettrico a batteria. Insieme alla sua mancanza di fumi di scarico, un ovvio vantaggio è la libertà di movimento. Trascinare i cavi delle falciatrici elettriche con filo può essere un vero fastidio. Di contro, non sono silenziosi come i tosaerba a bobina, ma sono ancora meno rumorosi dei tosaerba a gas.

Non devi sempre riempire la tua proprietà di erba che necessita di una falciatura continua. Le coperture del terreno, le ampie passerelle e le aiuole sono interessanti alternative paesaggistiche al tradizionale prato. Anche i letti dell'orto possono essere esteticamente gradevoli.

Puoi quindi usare piante autoctone, xeriscaping, ovvero piante e materiali da giardino che non richiedono molta acqua. Ti permetteranno di risparmiare acqua e il tempo del taglio.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione