FIGLI

Come riconoscere un bambino ipersensibile

Più del 15% della popolazione mondiale dimostra una spiccata ipersensibilità e i bambini non fanno eccezione. Come si manifesta questo lato particolare del carattere e come si possono aiutare i figli a gestire le proprie emozioni?
LEGGI IN 2'

Ci sono bambini particolarmente sensibili, così sensibili – a volte – da risultare fragili. Come si manifesta l'ipersensibilità e soprattutto come si può aiutare e sostenere un bambino ipersensibileL' ipersensibilità si riferisce a una sensibilità superiore alla media che è esacerbata. In psicologia, questo concetto è stato chiarito nel 1996 dalla psicologa clinica americana Elaine Aron. Secondo le ultime ricerche sull'ipersensibilità, questa caratteristica interesserebbe il 15-20% della popolazione mondiale. E, naturalmente, i bambini non fanno eccezione.

Come si manifesta?

I sintomi sono: una vita interiore ricca e complessa, un'immaginazione importante, il fatto di essere profondamente commosso dalle arti (un dipinto, una musica ...), imbarazzarsi quando si è osservati, essere facilmente turbato o sopraffatto da emozioni, cambiamenti, stimoli troppo importanti (luce, suoni, folla ...), avere difficoltà a svolgere più compiti contemporaneamente o fare una scelta. E soprattutto avere una grande capacità di ascoltare gli altri, di cogliere le sottigliezze di una situazione o di una persona.

Un bambino ipersensibile sarà quindi un piccolo che tende a spaventarsi facilmente, non apprezza le grandi sorprese, può avere uno spiccato senso dell'umorismo e un vocabolario ampio per la sua età, un'intuizione abbastanza sviluppata, fatica a fare una scelta mentre fa un sacco di domande, nota facilmente la sofferenza fisica o emotiva di un'altra persona.

Se riconosci il tuo bambino in tutte queste affermazioni, molto probabilmente sarà un bambino ipersensibile. Non rimproverarlo e non invitarlo a nascondere questa alta sensibilità. Puoi però rispettare i suoi tempi, farlo parlare di ciò che prova, aiutarlo ad affrontare i cambiamenti con serenità ed evitare le inutili sovra-stimolazioni (come lo shopping dopo una lunga giornata di scuola ...)

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta