FIGLI

Come gestire le litigate davanti ai bambini

Litigare è sano, soprattutto se non si trascende nei toni e nei modi. Se il conflitto avviene davanti ai bambini, è importante che anche le scuse siano fatte davanti agli occhietti dei piccoli di casa: si possono imparare a discutere e a fare pace.
LEGGI IN 2'

La vita di coppia può essere molto complicata quando ci sono figli. A volte capita che i due partner litighino, che non siano d'accordo sull'educazione dei loro figli, che siano troppo stressati e stanchi per prendersi cura del loro amore ... Ma questo è tutto abbastanza normale, ogni coppia attraversa tali fasi. E come si fa quando ci sono figli? Non bisogna dimenticare che le controversie sono indicative di conflitti esistenti e che sono quindi necessarie. E la comunicazione è essenziale per risolvere i problemi.

È quindi meglio dire le cose piuttosto che tenere tutto per te e chiuderti. Le controversie aiutano a costruire una relazione perché ci consentono di risintonizzare i sentimenti. Il problema è che i bambini vedono i genitori come un mondo di sicurezza. E quando litigano, subentrano le paure. Bisogna spiegargli che le controversie fanno parte della vita quotidiana: suoceri, difficoltà finanziarie, educazione dei figli, lavoro, distribuzione di compiti domestici...

La sua paura principale è che i genitori si separino o di essere responsabili della situazione. Non dovete far altro che rassicurarli. Inoltre, se ce la fai cerca di discutere con il partner quando il piccolo dorme. Una discussione può avere un impatto positivo sui bambini se gli insegna che è possibile riconciliarsi. È quindi importante che, se la disputa ha avuto luogo davanti ai bambini, anche la riconciliazione abbia luogo davanti a lui. Cerca, inoltre, di fare le cose in tempi brevi... non tirare lunga la discussione.

Quello che devi capire è che il bambino non fa distinzione tra una discussione piccola e una grande. È per questo motivo che i genitori non dovrebbero litigare violentemente di fronte ai figli: niente insulti, niente violenza fisica, niente minacce, niente urla. Perché questo tipo di argomento potrebbe davvero traumatizzare il bambino. Se ritieni che il conflitto prenderà una svolta più violenta, manda tuo figlio nella sua stanza.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta