FIGLI

Come gestire un bambino ostinato

LEGGI IN 2'

I bambini quando si trovano in famiglia si sento in piena libertà e spesso decidono di avere ragione su tutto. La testardaggine può essere comune intorno ai due anni quando iniziano a non sopporare  i no dei genitori, o anche in adolescenza quando i figli si sentono adulti pur non essendolo ancora. Ma può essere anche una caratteristica della personalità del bambino di qualunque età.

Come fare a gestire un bambino ostinato? 

- Stimolare il bambino ad aprirsi e a esprimere verbalmente stress o frustrazioni. 

- Cercare di non alzare la voce: usare un tono autorevole senza alzare i toni.

- Lasciare che scarichi la vivacità ad un parco o all’aria aperta o in una piscina gonfiabile sistemata in tarrazza.

- Organizzare dei giochi creativi in cui possa sfruttare la propria manualità e lavorare sulla concentrazione.

- Quando non si comporta secondo le regole comuni e familiari bisogna riprenderlo, sì, ma quando invece si comporta in modo corretto superando le nostre aspettative, è bene elogiarlo per rinforzare la sua autostima e rasserenarlo.

- Se sta per compiere un guaio, cercare di distrarlo e concentrarlo su altro prima che possa commettere l’azione.

- Educarlo alla gentilezza  e al rispetto dell’altro con l’esempio.

- Non usare castighi o punizioni sarebbe controproducente. il bimbo ostinato ha una buona resistenza e sareste voi a perdere la battaglia e a causarvi stress inutile. 

- Spiegare che quel tipo di comportamento darà luogo a una determinata conseguenza: in questo caso non venire meno alla parola in nessuna occasione. Altrimenti il bimbo penserà che  può, comunque, prendervi sulla stanchezza.

- Stabilire rituali quotidiani e settimanali, in modo che il bimbo sappia che cosa succederà. Aiuterà ad evitare che un suo atteggiamento o la sua ostinazione scombussoli i suddetti riti.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta