IN INTIMITÀ

Come far durare la coppia: la regola del 2-2-2

Mantenere viva una relazione non è semplice, soprattutto quando il tempo di qualità è poco e si hanno figli. La regola 2-2-2 sta andando molto di moda. Proviamo a capire su che cosa si basa e perchè potrebbe avere un fondo di verità.
LEGGI IN 1'

Ci sono tante teorie su come far durare la coppia, ma la verità è che non esiste la ricetta segreta. Ognuno deve trovare la sua. L’equilibrio tra i partner è qualcosa che devono trovare giorno dopo giorno, conoscendosi e venendosi in contro. Detto ciò sul web gira la regola 2-2-2. Che cos’è?

Concettualizzato dall'esperienza personale di un utente di Internet e dalla sua osservazione delle coppie che lo circondano, il metodo 2-2-2 offre uno schema abbastanza semplice.

  • Un'uscita individuale ogni due settimane;
  • Un weekend romantico ogni due mesi;
  • Vacanze senza figli di almeno una settimana ogni due anni.

Sulla carta, queste poche disposizioni sembrano abbastanza semplici da attuare se garantiamo la soluzione miracolosa per una coppia felice. Tuttavia, quando si tratta di applicare la regola del 2-2-2, diverse insidie ​​possono ostacolare le coppie. Quando sei genitori, infatti, sai quanto può essere complicato trovare il tempo per stare soli? Eppure per far resistere la relazione devi impegnarti perché avvenga.

La verità è che non c’è bisogno di uno schema così rigido, ma è vero che per salvare la relazione bisogna prima di tutto salvare il tempo di qualità della coppia. Saper dedicare spazio al proprio matrimonio, senza famiglia né telefono, sembra necessario per il corretto funzionamento di una relazione e questo è il messaggio da trarre da questa regola. Questi momenti, che possono essere tradotti in mille modi, e non solo durante la sera o nei fine settimana, l'idea è di connettersi con il partner e ricordarsi perché si sta insieme.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta