LAVANDERIA

Bucato a mano con sapone di Marsiglia: i consigli per non sbagliare

LEGGI IN 2'

Le nostre ave ne facevano largo uso, ma ad oggi sempre più donne hanno deciso di tornare un po’ indietro nel tempo, riportando il sapone di Marsiglia nelle proprie abitazioni. Questo prodotto, simile all’ancora più noto sapone di Aleppo, ha come materia prima principale l’olio di oliva, che lo rende delicato, ma anche molto efficace nella pulizia.

I suoi usi sono molteplici, dalla detergenza della pelle e dei capelli, fino all’utilizzo per il lavaggio delle superfici domestiche, rendendo il sapone di Marsiglia è un alleato dell’igiene. In particolare, è un ottimo prodotto da usare per il bucato a mano, sostituendo il classico detersivo per indumenti e rendendosi buono anche per la pulizia dei capi delicati.

Bisogna sapere che in commercio possiamo trovare molti saponi che hanno la dicitura di Marsiglia, ma in effetti la loro composizione può essere diversa da quello originale. La saponetta classica è infatti di colore verde e vanta un’alta percentuale di olio di oliva, mentre gli altri saponi sono spesso a base di olio di palma o cocco e di colore bianco.

Se vogliamo usare il sapone di Marsiglia per il bucato a mano, dobbiamo avere a disposizione un catino pieno di acqua calda e la nostra saponetta. I capi andranno inumiditi e strofinati con il sapone in modo da asportare macchie, odori e sporcizia superficiale, poi sciacquati ed eventualmente, se dovesse essere necessaria una seconda passata, strofinati nuovamente.

In alternativa il bucato può anche essere tenuto in ammollo in acqua calda con sapone di Marsiglia grattugiato a scaglie. Il calore tenderà a sciogliere il prodotto, facendolo penetrare nelle fibre dei tessuti per deodorarli e sanificarli. Questo trattamento va bene per capi poco sporchi o che hanno bisogno di un lavaggio delicato, in ogni caso ricordiamo di effettuare un risciacquo profondo alla fine delle nostre operazioni di pulizia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione