CURE E TRATTAMENTI

Le regole dello shampoo perfetto

LEGGI IN 3'

Una routine quotidiana

Lo shampoo è uno di quei trattamenti quotidiani che mettiamo in pratica da sempre e che, entrando così profondamente nella nostra routine personale, compiamo con gesti meccanici, spesso immutabili. Nonostante il trattamento sia sempre lo stesso,i risultati possono risultare anche diversi. In alcuni giorni si riesce a sfoggiare una chioma luminosa e voluminosa mentre in altri i capelli sono pesanti e spenti.

Sono numerosi i fattori che contribuiscono alla buona riuscita di uno shampoo. La scelta dei prodotti, l’acqua, il dosaggio e la distribuzione, tutti elementi da non sottovalutare. Ecco gli accorgimenti da adottare per non rischiare una messa in piega deludente.

La giusta dose

Generalmente il lavaggio con lo shampoo, soprattutto per chi porta i capelli molto lunghi, non dovrebbe superare le due volte a settimana e, ogni volta, una singola applicazione del prodotto. Il dosaggio ideale corrisponde all’incirca ad un palmo della mano pieno rivolto a coppetta. La dose va poi personalizzata in base alla consistenza e volume della chioma: se i capelli sono molto folti e lunghi, infatti, ne servirà di più che per trattare una chioma corta e leggera.

Importante, inoltre, ricordarsi di non diluire mai il prodotto con l’acqua: l’efficacia di uno shampoo, molto spesso, è inversamente proprorzionale a questa pratica scorretta. I tensioattivi dei detergenti attuali, infatti, sono molto delicati e non necessitano di alcuna precauzione in questo senso.

Una sola passata!

Nonostante passare lo shampoo due volte durante la stessa seduta regali l’impressione di una pulizia più profonda, gli esperti assicurano che un solo lavaggio è più che sufficiente, oltre che necessaria affinchè il Ph del capello non venga aggredito.

Distribuisci il prodotto sui capelli umidi soffermandoti sulla parte superiore della testa e facendo attenzione a raggiungere efficacemente anche la zona dietro la nuca. Concludi, quindi, il trattamento sulle punte, ricordandoti di non strofinarle toppo. Così facendo, infatti, le squame si aprono e il detergente, penetrando troppo in profondità, aggredisce il fusto.

Concentrati sulla cute

Durante il massaggio, apri bene le ciocche e controlla che lo shampoo arrivi anche alla cute, il luogo preciso dove si forma il sebo, che sporca il capello. Proprio questo ‘grasso’, infatti, distribuendosi sui capelli, li rende pesanti e destinati a sporcarsi presto.

La cute, come avrete capito, è la parte a cui prestare maggiore attenzione durante il lavaggio, ed è quella zona che si va ad analizzare quando la chioma presenta qualche problema particolare, come la fastidiosissima forfora.

Risciacquo abbondante

La fase fondamentale dello shampoo si racchiude tutta nella cura con cui si procede al risciacquo. Fai scorrere l’acqua tra i capelli per almeno 3 minuti, passando le dita tra i capelli per favorire un risciacquo omogeneo. Evita l'acqua calda: il calore, infatti, sfibra i capelli e li rende stopposi. No anche a quella fredda, che non è efficace nello sciogliere il sebo della cute. Scegli, invece, l’acqua tiepida e solo alla fine procedi con l'ultimo risciacquo freddo, che chiude le squame e rende i capelli brillanti e lucidi.

Coccola i capelli!

L’intero trattamento si conclude con le coccole per la tua chioma. È, Infatti, il momento di attivare la brillantezza dei capelli secchi e di nutrirli a fondo con un buon balsamo nutriente e condizionante. Se hai i capelli secchi, applica il balsamo su tutti i capelli e lascia agire per diversi minuti: poi risciacqua con cura e avvolgi i capelli in una salvietta tiepida.

Hai i capelli grassi? Applica il balsamo solo sulle lunghezze, dopo aver lasciato agire sciacqua bene e avvolgi i capelli in una salvietta tiepida. Ora sei davvero pronta per il brushing e per una piega perfetta!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione