PSICOLOGIA

Che vipera!

Le trovi dappertutto: fingono di darti consigli per poi colpirti alle spalle.Può essere l'amica invidiosa, la collega ruba-idee, la sua migliore amica o la cugina sputasentenze.
LEGGI IN 3'

Le trovi dappertutto: fingono di darti consigli per poi colpirti alle spalle.Può essere l’amica invidiosa, la collega ruba-idee, la sua migliore amica o la cugina sputasentenze…. tutte pronte ad offrirti consigli, a fingersi amiche per poi approfittare della prima occasione per spargere il loro "veleno" attorno a te.

E quando capita di trovarci legate a queste tipe insidiose da un rapporto di amicizia o d’affetto, facilmente ci arrendiamo al sentimentalismo e, non riuscendo a contrastarle, le lasciamo agire indisturbate.Vediamo allora come difendersi dagli attacchi di queste particolari specie femminili dalla lingua biforcuta.

Ricordiamo che in alcune persone i sentimenti come la competizione e l’invidia prevalgono solo per nascondere una insicurezza ed una scarsa stima di sé.

Cominciamo con l’amica di una vita che prima ti fa i complimenti per il tuo nuovo taglio di capelli, ma poi (per il tuo bene) ti consiglia di curarti un po’ perché hai l’aspetto malaticcio. La sua può essere una cattiveria inconsapevole che nasce dal senso di inadeguatezza che lei ha nei tuoi confronti. Quindi, se le vuoi bene davvero, perdonala. Ma se esagera con le sue sfrecciatine allora è il caso di faglielo capire: rispondi per le rime con lo stesso tono che lei normalmente usa nei tuoi confronti. Forse in questo modo capirà cosa si prova ad essere vittime e quali spiacevoli sensazioni provi anche tu quando sei attaccata ingiustamente.

Spostiamoci ora in ufficio: è qui, tra le scrivanie, che si muove come un detective la collega invidiosa, ossessionata dall’idea che tutte vogliano rubarle il posto. Per questo motivo tutte le occasioni sono buone per mettersi in luce a scapito tuo: è solo lei che ha le idee migliori (anche se sono quelle tue) e le racconta in giro come fossero uscite dalla sua straordinaria vena creativa.

Si potrebbe dire che chi ci teme ci ammira, ma sicuramente è una magra consolazione. In questo caso la soluzione migliore è quella di avvolgersi in un alone di mistero: evita qualsiasi confidenza, anche se non è nella tua indole, non mostrarti simpatica a tutti i costi e non appena ne hai l’occasione, prova a rifilarle una idea sbagliata per poi uscirtene con una migliore davanti ai tuoi capi..… vedrai che capirà di aver commesso un passo falso e la prossima volta sarà molto più cauta nei tuoi confronti.

Ma se ti sei appena fidanzata con un uomo che ha una donna per amico, allora sappi che lei farà di tutto per metterti in un angolo: un suo sguardo le basta per capire che le stai già antipatica. E poi, ad ogni occasione, ne approfitterà per parlare con il tuo lui ricordando i bei tempi trascorsi insieme, del week-end in campagna, del Capodanno con gli amici in Turchia….. Per non dire quando vi trovate tutte e tre a casa di lui: ecco che si aggira con fare spavaldo tra le sue cose perché lei "conosce questa casa meglio della sua" ….

La cosa migliore in questi casi è quella di evitare di stare al suo gioco: invitala spesso a casa vostra, non potrà dire di no perché rischierebbe di sembrare maleducata, ed approfitta dell’occasione per farle capire che le cose sono cambiate. Comincia dalle piccole cose. Cambia ad esempio la disposizione degli oggetti nella dispensa in cucina: quando lei sicura si dirigerà alla ricerca dello zucchero, tu candida falle notare che non si trova più al solito posto….. vedrai che la sua spavalderia comincerà a vacillare!

E se proprio vuoi fare davvero la generosa, presentale al più presto un uomo carino e disponibile: se si fidanza pure lei è fatta e non gironzolerà più intorno alla vostra coppia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta