IN FORMA

Quel mouse doloroso...

LEGGI IN 2'

Una vita passata davanti allo schermo di un computer. Che sia per lavoro o per piacere, il risultato non cambia: si fanno vivi alcuni disturbi, che possono assumere forme più o meno fastidiose. Dieci o dodici ore giornaliere trascorse di fronte allo schermo di un pc provocano per esempio dolori al collo e alla testa.

Secondo l'Università del Sud Africa, che ha analizzato oltre mille studenti liceali, neanche i giovani sono esenti da problemi e patologie: ben il 48% di coloro i quali passano oltre le 25 ore settimanali al computer accusano infatti mal di testa e forti dolori. Che vanno a unirsi al quadretto ben conosciuto dei "disagi da schermo & tastiera": ipercifosi dorsale (curva anomala della colonna vertebrale con accentuata convessità dorsale), dovuta a una posizione scorretta di fronte al pc, epicondilite (infiammazione dei tendini) causata da movimenti sbagliati e ripetuti, e la ben nota sindrome del tunnel carpale, ovvero il dolore che dal polso sale per tutto l'avambraccio, per colpa dell'uso eccessivo del mouse.

Negli ultimi tempi si è anche iniziato a parlare di danni alla pelle. Uno studio condotto in Svezia su tremila utilizzatori abituali di computer ha messo in luce l'insorgenza di rosacea, dermatite seborroica, eritema aspecifico e acne, accompagnati da bruciore e prurito. La causa sarebbe l'esposizione ai campi elettromagnetici dei videoterminali.

Si apre così un nuovo campo di ricerca. Intanto, è bene ricordare gli accorgimenti da mettere in pratica quando si sta a lungo di fronte a uno schermo del pc: piedi ben poggiati a terra, schiena aderente allo schienale della sedia nel tratto lombare.  Avambracci poggiati sulla scrivania.

L'angolo superiore dello schermo deve sempre trovarsi più in basso della linea orizzontale immaginaria che unisce gli occhi del lavoratore. Per non affaticare gli occhi, oltre all'uso di coprischermi anabbaglianti, è bene distogliere lo sguardo dal pc almeno ogni due ore, appoggiare i gomiti sulla scrivania a una distanza massima di 15 centimetri tra loro e coprire gli occhi con le mani chiuse a conchiglia. Infine, se è il caso, si possono indossare lenti riposanti.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta