IN FORMA

La salute delle gambe

Detto addio a collant e calze lunghe, con la bella stagione le gambe tornano in primo piano. La bellezza e la salute delle nostre gambe dipende molto dall'efficienza del sistema linfatico.
LEGGI IN 2'

La linfa è un liquido chiaro, costituito in gran parte di acqua, che scorre in un ramificato sistema di piccoli canali simile ai vasi sanguigni con il compito di ripulire i tessuti dalle tossine e dalle sostanze di scarto prodotte dalle cellule.

Quando questo sistema di drenaggio rallenta, ecco che si accumula linfa nei tessuti: si manifesta così un gonfiore localizzato ed un fastidioso senso di pesantezza. Se poi il problema si protrae a lungo, insorge la cellulite.

Le cause che portano a questo ristagno linfatico sono molteplici, da fattori di tipo ormonale ad un aumento di tessuto adiposo nella zona delle cosce e dei fianchi.  Anche un lavoro che ti costringe a rimanere a lungo ferme, in piedi o seduta, contribuisce a causare quell’accumulo di liquidi che si traduce poi in fastidiosi gonfiori. Il movimento è senz’altro utile in quanto ha un’azione decongestionante.

Inoltre jogging, flessioni, ginnastica attiva e passiva mantengono le gambe staccanti e contrastano il rilassamento dell’interno coscia.

In caso di necessità, ecco un esercizio veloce e semplice da fare: stando seduta, senza scarpe, fletti ed estendi ripetutamente i piedi, poi cerca di sollevare al massimo il tallone e quindi riappoggialo nuovamente a terra.

Ottimi anche i massaggi : consigliato quello linfodrenante che può dare benefici sia in termini estetici che risolvere problemi più importanti.  Questo tipo di massaggio, data la complessità e la delicatezza del sistema sui cui si opera, deve essere eseguito da un massaggiatore esperto: con piccole pressioni circolari, spinte con le dite o i polpastrelli, l’operatore riesce a spostare delicatamente i liquidi interstiziali ed accelerare lo smaltimento degli accumuli localizzati. Da evitare, invece, i massaggi troppo energici che rischiano di traumatizzare le pareti delle vene e favoriscono la comparsa dei capillari.

Alla sera, infine, concediti un semplice automassaggio: dopo un pediluvio rilassante, applica una crema a base di bioflavonoidi (che aiuta a stimolare la microcircolazione) e con i polpastrelli esegui delle compressioni decise, ma non dolorose, sulla pianta dei piedi . Quindi massaggia tutto il piede partendo dalle dita per proseguire con la pianta, il dorso ed i malleoli.

Concludi la tua operazione di bellezza e, sdraiata sul letto, solleva le gambe ed accarezzale con movimenti fluidi e ritmici partendo dalla caviglia verso l’inguine.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta