IN FORMA

Guerra alla cellulite

LEGGI IN 4'

Le cause

La cellulite è l'inestetismo femminile più diffuso tra le donne, che non risparmia fisici giovani e magri. Le zone più colpite sono le cosce e i glutei. I motivi scatenanti sono molteplici e si associano spesso ad una predisposizione familiare.


I comportamenti che possono peggiorarla sono la vita sedentaria, un'alimentazione ricca di sodio (il sale produce ritenzione idrica), squilibri ormonali (estrogeni femminili), l'uso di calzature con tacchi molto alti (meglio avere scarpe con un tacco non superiore a 4-5 cm), jeans o abbigliamento attillato, lo stress. L'unione di più fattori può creare un rallentamento del flusso sanguigno ed un'infiammazione dei tessuti adiposi. La prima arma è quella d'intervenire quando la cellulite è ancora al primo stadio ed è possibile debellarla in modo più semplice.

Gli stadi

Ecco i principali stadi della cellulite:
- primo stadio: la cellulite appare dura, la pelle è secca e ruvida a volte accompagnata da smagliature. Solitamente colpisce un fisico sportivo: un'attività sportiva intensa in alcuni casi può peggiorare la cellulite poiché gli sforzi ginnici richiedono un forte afflusso di sangue ed ossigeno.

- secondo stadio: la cellulite è più molle. Le donne colpite hanno un tono muscolare molto rilassato a causa di diete scorrette che provocano una perdita di peso a "yo-yo". E' frequente nelle donne di mezza età.

- terzo stadio: il tessuto cellulitico appare con noduli evidenti che colpiscono prevalentemente le gambe, la pelle risulta fredda, la zona è dolorosa. Il motivo principale è il processo di sclerosi in atto dovuto ad una trascuratezza degli stadi precedenti e da un forte ristagno dei liquidi.

- quarto stadio: la cellulite si aggrava sempre più per una mancanza di una corretta circolazione sanguigna.

Le buone abitudini a tavola

La guerra alla cellulite comincia a tavola: al bando le bibite zuccherine, gli alimenti ricchi di sodio che favoriscono la ritenzione idrica (non solo sale da cucina ma anche i formaggi stagionati, dado da brodo, gli insaccati). Vietata l'assunzione eccessiva di caffè, alcolici e cioccolato che affaticano il fegato ed impediscono l'espulsione delle scorie.

E' importante mangiare frutta ma soprattutto verdura, meno zuccherina, ad ogni pasto. Sono da privilegiare l'ananas, il kiwi, il pompelmo, il sedano ed il finocchio. Il sedano andrebbe consumato due volte al giorno anche sotto forma di centrifugato, il finocchio va assunto preferibilmente crudo.

Rimedi lampo

Se la cellulite è recente è possibile agire subito con dell'attività fisica moderata ma costante: se non  riesci ad andare in palestra è sufficiente un'ora di camminata al giorno a ritmo sostenuto così da apportare ossigeno ai tessuti e migliorare la postura.

Applica tutti i giorni una crema idratante massaggiandole a lungo dal basso verso l'alto (dopo averla massaggiata, pizzica la pelle e passa le nocche per un'azione d'urto).

Rimedi fai da te

Ecco alcuni rimedi casalinghi per combattere la cellulite al primo accenno:


- ottimo il bagno in acqua calda a 36°, da fare due volte alla settimana, nel quale sono state disciolte due tazze di sale del Mar Morto (in erboristeria) o del sale da cucina integrale: rimani in immersione per 20 minuti, poi fai un breve riposo al caldo per favorire l'eliminazione dei liquidi in eccesso. Puoi anche preparare un composto a base di sale integrale nel quale avrai aggiunto 10 gocce di olio essenziale di cipresso e di geranio e 10 gocce di limone da lasciare riposare per qualche giorno e da versare nell'acqua calda del bagno. Prima di immergerti nell'acqua friziona la parte interessata con un guanto di crine.
- massaggia le zone colpite da cellulite con un nocciolo di avocado od un guanto di crine successivamente fai una doccia d'acqua fredda sulla parte.
- prepara dell'olio da massaggiare composto da 8 cucchiai di olio d'oliva, 20 gocce di limone e un paio di cucchiai di pompelmo.

Rimedi strong

Per la cellulite più "vecchia" oppure ostinata vengono in aiuto i centri benessere. Le tecniche in uso sono molteplici e vanno utilizzate in base al tipo di cellulite da combattere. Ecco una lista dei principali interventi possibili:

• mesoterapia: microinezioni localizzate di farmaci con sostanze lipolitiche, drenanti che attivano la circolazione. Il paziente deve sottoporsi ad esami preventivi che escludano la possibilità di allergie.
• carbossiterapia: microinfiltrazioni locali di anidride carbonica.
• laser-terapia: un laser che migliora l'ossigenazione dell'unità tissutale. Adatto per cellulite edematosa (con noduli) e cellulite molle.
• ionoforesi: si utilizza una corrente elettrica a basso voltaggio per introdurre farmaci nel tessuto; solitamente viene usata in abbinamento ad altre metodiche.
• ultrasuonoterapia: vibrazioni che provocano la rottura del tessuto edematoso e ripristinano la circolazione grazie a fenomeni chimici e termici.
• pressoterapia: indicata per la cellulite accompagnata da dolori e pelle fredda e violacea. Viene fatto indossare uno speciale pantalone che produce una pressione graduata molto piacevole che aiuta ad eliminare il senso di pesantezza agli arti inferiori.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta