IN FORMA

Combatti lo stress ossidativo

Lo stress ossidativo è la conseguenza diretta dell'azione dannosa esercitata da quantità abnormemente elevate di radicali liberi sulle cellule e tessuti del nostro organismo. Come combatterlo?
LEGGI IN 2'

I radicali liberi ci seguono dappertutto sia sul lavoro che in vacanza. I responsabili della loro comparsa sono tutti gli stati di stress quello lavorativo come quello emotivo, ma anche il fumo della sigaretta, l'alimentazione non equilibrata e il consumo abbondante di fritti, il sole, se preso in modo scorretto, i superalcolici. Per la scienza questi agenti ossidanti sono i principali colpevoli dell'anticipata degenerazione delle cellule e anche del DNA. 

I radicali liberi sono quelle sostanze,  derivate in particolare dall'ossigeno, dallo zolfo e dall'azoto, che per una serie di processi chimici o metabolici danno origine a molecole chimiche molto reagenti. In natura queste particelle sono utili all'uomo in quanto sono una delle armi utilizzate dal nostro sistema immunitario al fine di eliminare i batteri presenti del nostro organismo ma un loro sovrannumero può portare ad effetti negativi come l'accelerazione dell'invecchiamento cutaneo e, nel tempo, alla comparsa di alcune malattie.

Sono proprio questi effetti negativi ad essere riconosciuti con il nome di 'stress ossidativo'.

E' possibile arginare o rallentare un' eccessiva produzione di radicali liberi? La risposta è affermativa. Per bloccare la successione di reazioni innescata dagli agenti ossidanti e porre un limite ai loro effetti ci vengono in aiuto le sostanze antiossidanti. Sono la frutta e la verdura le miniere naturali dalle quali possiamo attingere per ottenere i principi utili a frenare l'attacco dei radicali liberi. Gli elementi esogeni, cioè che assumiamo dall'esterno, principali alleati contro l'ossidazione sono le vitamine A,C ed E (presenti per esempio nel succo ACE), il selenio, i carotenoidi (come il betacarotene), il licopene (contenuto nei pomodori), il coenzima Q10 e l'acido lipoico, tutte sostanze presenti negli alimenti di origine vegetale.

La frutta nera o molto scura (uva nera, frutti di bosco) contiene grandi quantità di antiossidanti ma sono efficaci anche l'albicocca e la pesca, la fragola, l'arancia e il pompelmo, il kiwi e la prugna, la barbabietola, il cavolo, il tè verde e il vino rosso.

Il mercato del benessere offre un'alternativa all'assunzione quotidiana di ortaggi e frutta fresca ovvero gli antiossidanti concentrati che promettono benefici miracolosi. Questi preparati si possono acquistare tranquillamente nei supermercati, non hanno bisogno di ricetta medica e non presentano particolari controindicazioni. I prodotti sono venduti sotto forma di infusi, gocce concentrate o compresse alla papaya, alla carota, all'aloe; grazie alla presenza di grandi quantità concentrate di antiossidanti dovrebbero assicurare una maggiore protezione dagli attacchi ossidativi,  ma è veramente così? Alcuni studi scientifici smentiscono il loro effetto benefico.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta