2019/05/27 08:30:4727

VISO E CORPO

Sole e macchie della pelle, come fare?

LEGGI IN 3'

Le macchie della pelle

Alla fine dell’estate, quando l’effetto tintarella pian piano scompare, ci accorgiamo dei “regali” che le ore trascorse in spiaggia ci hanno lasciato. Sono circa tre milioni le italiane che devono fare i conti con le macchie scure sul viso. Le macchie della pelle sono, infatti, inestetismi che si “accendono” e diventano particolarmente evidenti sotto il sole estivo.

Colpa anche dei profumi, di alcuni componenti di creme cosmetiche, della pillola contraccettiva e di particolari farmaci. Tutte sostanze a cui le pelli più sensibili rispondono sviluppando le tipiche chiazze scure. Ma le origini e gli effetti sono diversi da caso a caso. Ecco come riconoscere le principali differenze e come combatterle.

Disomogenee

Sono le macchie frastagliate e dissimili per colore e forma. L’effetto che ricordano è quello di un insieme di chiazze dalle fattezze e caratteristiche disomogenee e, dunque, di difficile diagnosi. Si tratta molto spesso di reazioni all’uso di farmaci o disfunzioni ormonali, ma dovute anche all’uso della pillola contraccettiva.

Non solo, queste macchie possono essere il risultato dell’applicazione di un make-up poco traspirante, ma anche una reazione allo stress o al ricorso eccessivo al peeling.

Lentigginose

Queste macchie, riconoscibili perché simili alle comunissime lentiggini, sono in realtà accumuli di melanina causati da un’esposizione continua al sole o dall’applicazione di autoabbronzanti. A differenza delle lentiggini vere e proprie, dunque, sono soggette all’esposizione solare e tendono a ridurre la propria intensità con l’arrivo dell’inverno e la diminuzione delle temperature.

Anche le efelidi sono chiazzette che hanno origine nell’esposizione al sole, in quanto si trovano nelle zone foto esposte. Niente paura però, le efelidi, a seconda dei tempi e dei gusti, vengono considerate anche simbolo di grande fascino.

Gli schiarenti

Una prima soluzione è offerta dal make-up schiarente, quello in grado di attenuare l’intensità delle macchie. La soluzione, però, non è definitiva, ma si propone di ridurre e attenuare l’intensità delle macchie.

L’utilizzo di questi prodotti non è solo curativo, ma anche preventivo: i cosmetici di questa categoria funzionano efficacemente solo se usati regolarmente e per molto tempo. Anche ciprie, correttori e creme colorate servono a regalare un preziosissimo effetto coprente, anche se, purtroppo, solo apparente.

Laser e luce pulsata

Il rimedio più efficace per eliminare molte macchie e attenuarne la maggior parte consiste nel laser. Esistono molti laser differenti, quello a diodi 532 e 1064 e quello a luce pulsata. Il laser agisce distruggendo la macchia attraverso una sorta di danno termico. Il tutto senza danneggiare la cute sana sottostante.

I trattamenti utilizzano potenze diverse a seconda del colore della macchia da trattare (più è chiara, più il raggio usato avrà un’intensità maggiore). Il costo del trattamento oscilla dai 150 ai 300 euro a seduta.

Prevenzione e trattamenti

Le macchie della pelle, come abbiamo visto, dipendono principalmente dall’esposizione solare e, di conseguenza, dai raggi ultravioletti. La prevenzione, quindi, passa dall’utilizzo di un buon filtro solare da applicare sulla pelle sia in inverno sia in estate, quando si va al mare.

Un trattamento benefico nel caso di lentigo solari o senili, invece, è il peeling, cioè un trattamento che prevede l’applicazione sulla pelle di una sostanza con proprietà esfolianti e che si effettua negli studi medici specializzati.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione