VISO E CORPO

Le regole per l'idratazione perfetta

LEGGI IN 2'

La cura della pelle

Idratazione, una parola poco conosciuta fino ai quarant’anni. E’ solo a questa età che la donna prende coscienza dello stato della pelle ed in particolare di quella del viso, a causa della comparsa delle prime rughe, e decide d’intervenire con le creme cosmetiche più adatte. La cura della pelle dovrebbe invece avvenire molto prima, già verso i 15 anni.

Perché pelle ed organismo rimangano sempre idratati nel tempo devono coincidere una serie di fattori: una corretta alimentazione, che consente il ripristino dei liquidi all’interno dell’organismo, ed una buona idratazione del derma, l’ultimo strato esterno della pelle presente su tutto il corpo.

L’importanza dell’idratazione

Per preservare l’idratazione cutanea bisogna fare particolare attenzione agli sbalzi di temperatura, alla pelle infatti servono due settimane per acclimatarsi in un nuovo ambiente, quindi situazioni di caldo/freddo che la indeboliscono.

Il corpo ha necessità che vengano reintegrati i 4 mila centimetri cubici d’acqua che perde durante la giornata. Sali minerali, vitamine, proteine vengono introdotti con gli alimenti mentre le bevande assimilate, sommate tra loro, dovrebbero corrispondere giornalmente ad un litro e mezzo di liquidi. L’assenza di idratazione, soprattutto nella stagione estiva, produce spiacevoli sintomi come cattiva digestione, ritenzione idrica e gonfiore, irritabilità, stanchezza e naturalmente pelle arida e secca.

Inizia dalla tavola

A tavola è preferibile consumare yogurt, due bicchieri d’acqua e frutta come mirtilli, kiwi e albicocche al mattino, integrare la dieta a metà mattina e pomeriggio con frutta e yogurt, a pranzo prediligere un misurato piatto di pasta condita con un cucchiaino di olio d’oliva e verdure verdi che contengono molta clorofilla dall’importante proprietà disintossicante.

A cena, invece, è sufficiente un minestrone di verdure, proteine magre provenienti da pesce o carni bianche, un panino integrale, una macedonia che può essere arricchita da una pallina di gelato alla frutta.

La crema adatta

Una volta idratati i vari strati della barriera cutanea all’interno si interviene su quello esterno tramite creme specifiche. Una piccola azione che dovrebbe entrare nell’abitudine quotidiana per aiutare l’idratazione della pelle.

Per idratarla in modo profondo c’è il metodo ‘Hydrobalance’ che utilizza particolari formulazioni di acido ialuronico Nasha, in questo modo si previene l’invecchiamento cutaneo e si protegge le cellule dai temuti radicali liberi.

Contro l’invecchiamento

Per contrastare l’invecchiamento cutaneo, in particolare dopo i 50 anni, mattina e sera va utilizzata una crema a base di acido ialuronico capace di trattenere l’acqua all’interno dell’epidermide. Si può intensificare l’azione idratante con un paio di applicazioni l’anno, presso i centri estetici specializzati, di prodotti specifici a base di liposomi e nanosomi.

La natura offre come sempre i suoi alleati, il nuovo vegetale che corre in aiuta della pelle matura proviene dal Madagascar e si chiama katafray : la sua naturale azione stimola il processo d’idratazione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta