STILI E TENDENZE

Tatuaggi all'henné, l'alternativa ai tattoo definitivi

LEGGI IN 2'

Un tempo appannaggio solo dei più “ribelli”, da un paio di decenni a questa parte i tatuaggi sono dilagati, coinvolgendo individui di tutti i ceti sociali e comparendo nelle parti del corpo più diverse. Esistono, però, persone che manifestano ancora un certo timore di fronte ai tatuaggi, un po' per paura degli aghi e del dolore e un po' perché non del tutto convinte di tenere sul proprio corpo un segno indelebile.

L'alternativa ai tatuaggi definitivi sono quelli temporanei, e in particolare i tatuaggi all'henné. La polvere di henné era utilizzata già nell'antichità dalle donne arabe per abbellire i loro corpi - e come segno benaugurante - in occasione di cerimonie e feste di particolare importanza. L'henné si ricava da rami e foglie essiccate di un arbusto spinoso, la “Lawsonia inermis”, che cresce in Asia minore, in India e nell'area Mediterranea (in particolare nell'Africa settentrionale).

In epoca moderna, il boom di tatuaggi all'henné si ebbe alla fine degli anni Novanta, quando Madonna ne fece sfoggio nel video musicale del suo pezzo “Frozen”, lanciando una moda che divenne molto popolare in breve tempo. Oggi sono tante le donne che ricorrono ai tatuaggi all'henné fai da te, poiché la loro preparazione non è affatto difficile. L'occorrente per preparare dei tatuaggi all'henné fatti in casa è facile da reperire: servono polvere di henné e succo di limone, da mescolare per creare un impasto cremoso.

Bastano poche accortezze: non mescolare l'impasto con cucchiai in metallo, per evitare ossidazione o variazioni di colore, utilizza ciotole di plastica o ceramica ed eventualmente aggiungi miele o zucchero per aumentare la densità del composto e agevolare la successiva applicazione sulla cute. Dopo aver coperto la ciotola con una pellicola e lasciato riposare l'impasto per alcune ore (in genere 7 o 8), potrai tranquillamente applicarlo.

I tatuaggi all'henné sono impiegati soprattutto per decorare piedi e mani, adoperando una siringa sprovvista di ago oppure uno stuzzicadenti. Una volta realizzata la decorazione che si desidera, non rimane che far asciugare il tatuaggio coprendolo con una pellicola fin quando il prodotto non si sarà seccato del tutto (sono necessarie alcune ore). La durata dei tatuaggi all'henné è di circa due o tre settimane.







Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione