PRIMA INFANZIA

Bambino schizzinoso con il cibo: come fare in vacanza?

Quando il bimbo deve mangiare fuori casa, magari un piatto non preparato dalla mamma o dalla nonna, fioccano i capricci. Può essere molto imbarazzante e possono subentrare diversi problemi. Come si può superare questa questione?
LEGGI IN 2'

I bambini che fanno i capricci a tavola non sono una novità, soprattutto quando si trovano davanti a piatti non cucinati dalla loro mamma. I piccoli sono molto intelligenti e sanno cosa piace a loro e sono pronti a respingere tutto ciò che non li interessa. Ma come tutti i genitori sanno, i bambini non possono vivere con una dieta solo dei loro cibi preferiti o di prodotti preparati in famiglia.

La preoccupazione di molti genitori per quanto riguarda i comportamenti alimentari difficili è quanto dureranno o se potrebbero diventare permanenti. Ma non temere, l’atteggiamento schizzinoso di solito si risolve da solo nel tempo. Ciò significa che stanno cercando di capire cosa possono o non possono controllare.

Fare pressioni su tuo figlio affinché mangi un cibo che non ama o non ha familiarità può creare stress durante i pasti e ansia nei confronti di quei cibi. Mangiare non può essere un momento di tensione. Come fare? Non cambiare la portata. Se non mangia, non fa nulla. Mangerà. Magari lo annuserà o lo toccherà, che sono passaggi importanti nel processo di esposizione per diventare più interessante.  Non etichettare il bambino come un "mangiatore esigente", soprattutto di fronte a lui, per evitare che diventi una scusa per non provare le cose.

È poi molto importante offrire una certa varietà di cibi, anche se sai che non li mangeranno altrimenti.  Una tattica che i genitori spesso provano è che i loro figli mangino cose che non vogliono senza che se ne accorgano. Mescola il cibo di cui sono così titubanti in qualcosa che amano, potresti ottenere grandi risultati.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione