2019/12/10 08:25:5913094
2019/12/10 08:25:5941233

PRIMA INFANZIA

Il tuo bambino morde? Ecco come fargli capire che non si fa

Intorno all'anno di vita il bambino inizia a mordere: lo fa con gli oggetti, durante la fase orale, e poi lo fa con le persone per attirare la loro attenzione. E' tutto normale, ma ovviamente bisogna spiegargli che non si fa.
LEGGI IN 2'

Arriva un momento, durante la crescita del bambino, che morsicare si trasforma nell'attività più divertente che ci sia. In linea di massima questa fase si attraversa tra il primo e il secondo anno di vita. Come sempre è una fascia temporale indicativa, perché ci sono piccoli molto precoci.

Perché si morde...

Per quanto possa sembrare barbarico, il mordere è perfettamente normale. I bambini imparano a scoprire il mondo mettendosi le cose in bocca (fase orale) e sempre attraverso la bocca trovano conforto. Per alcuni bambini, tuttavia, il mordere diventa una forma temporanea di comunicazione. Non c'è nulla di malizioso. I bambini piccoli non hanno le capacità linguistiche per esprimere come si sentono, quindi mordono per creare scalpore, per esprimere eccitazione o per dire che sono frustrati, ansiosi o annoiati.

In linea di massima, quando il bambino impara a esprimersi correttamente a parole non hanno più bisogno di morsicare. Alcuni bambini mordono solo a casa perché è un ambiente sicuro in cui esprimere le emozioni. Più spesso, tuttavia, questa manifestazione si verifica quando sono in gruppo, mentre stanno giocando e soprattutto quando devono condividere le attenzione. Secondo le stime di alcuni psicologi, un bimbo che frequenta un nido a tempo pieno, per 225 giorni l'anno, può aspettarsi di ricevere una media di sette morsi all'anno.

Come si affrontano i morsi del bambino?

Non esistono politiche nei nidi contro i morsi e sicuramente nel caso dovesse capitare non bisogna drammatizzare. Si cerca di spiegare al bambino che non si fa, ma non bisogna creare un caso (e vale anche per chi lo riceve). Come mai? Il mordere è una fase passeggera. Prima di tutto bisogna consolare il bambino che è stato morso. Questa risposta invia un messaggio importante al mordente, che non riceverà le attenzione che stava cercando di provocare. Poi è necessario prendere da parte il bambino che ha dato il morso e spiegagli che questo gesto fa male e non si deve fare.

Come si prevengono i morsi?

Sono importanti le strategie di prevenzione: devi far capire al bambino che quando è arrabbiato può chiedere aiuto in altro modo. Se il piccolo ha molta energia cerca di non sovra-stimolarlo: un bimbo calmo e riposato ha meno probabilità di usare i denti. Offri a tuo figlio un sostituto, come un gioco gommoso. Ad esempio, se noti che scopre i suoi denti quando un compagno di giochi tocca il suo giocattolo preferito, allunga il "sostituto". Potrebbe aiutarlo a scaricare la rabbia o a indirizzarla altrove. Il morso cronico può anche indicare che il bambino sta vivendo una fase complicata, come lo svezzamento, un trasloco, la separazione da una persona cara (magari ha cambiato nido) o l'arrivo di nuovo fratello: talvolta ci vuole solo un po' di attenzione speciale da parte della mamma.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione