ERBORISTERIA

Arrossamento della pelle sotto al seno: cause e rimedi naturali

LEGGI IN 2'

Gli arrossamenti della pelle sono piuttosto comuni e spesso non sono un sintomo che provoca allarme, ma in alcuni casi è buona norma tenerli sotto controllo, perché potrebbero essere la spia di problemi diversi. In linea di massima noi donne dovremmo sempre essere attente alla zona del seno.

In quest’area infatti passano il latte, se si è in fase di allattamento, ma anche il sistema linfatico, che ha ghiandole e linfonodi rispettivamente ad altezza di mammella e ascelle. Se capita di avere un arrossamento della pelle sotto al seno, con molta probabilità, in assenza di altra sintomatologia, si tratta di un problema di dermatite, ma le cause potrebbero anche essere altre.

Le dermatiti, gli eczemi, le infezioni da lieviti, così come le eruzioni cutanee per allergie alimentari o eccesso di sole, morsi di insetti o orticaria, possono irritare ed arrossare la zona del petto, in alcuni casi dando adito ad infiammazioni sotto al seno, dove la cute in genere sfrega.

Ma se l’arrossamento si associa a pelle ispessita, gonfiore e cute squamosa o dall’aspetto irregolare, tipo a buccia d’arancia, è essenziale effettuare una visita medica specialistica. È infatti possibile che il rossore sia il sintomo di un qualcosa di aggressivo, come un cancro al senso infiammatorio, che ha bisogno di trattamenti specifici, nonché di un regolare controllo medico.

Nei casi di dermatiti ed eczemi, ogni tipo di arrossamento della pelle sotto al seno può essere trattato con rimedi naturali molto validi e ben tollerati anche dalle cuti sensibili. Di certo l’aloe vera è da annoverare tra questi, un prodotto gelatinoso molto efficace per lenire infiammazioni e arrossamenti in maniera veloce.

Allo stesso modo si possono usare le pomate a base di calendula, che troviamo in farmacia o erboristeria e possiamo anche preparare una tintura madre fatta in casa. Ci basterà lasciare appassire in alcol a 60° una manciata di fiori di calendula, circa una decina ogni 100ml di liquido, per 20 giorni, per filtrare poi la tintura prima di tamponare dove serve.

Per i lavaggi è invece ottimo l’amido di riso, che pulisce e deterge, ma agisce anche da emolliente e disinfiammante.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta