INTERNI

Traslocare diventa un gioco

Fotografa la disposizione dei libri negli scaffali, dei vestiti negli armadi, dei suppellettili, la collocazione dei fili degli apparecchi elettronici, questo pro-memoria ti aiuterà a risistemare gli oggetti in poco tempo. Se ti affidi ad un'azienda di traslochi cerca di esserci al momento dell'inscatolamento degli oggetti, diffida dell'agenzia che non vuole la tua presenza.
LEGGI IN 3'

Traslocare può sembrare un'impresa titanica e lo può diventare se non si segue uno schema preciso o non ci si rivolge ad agenzie professionali. Se si preferisce gestire da soli il trasloco è bene organizzare per tempo tutti i dettagli, almeno due mesi prima, per renderlo il meno faticoso e caotico possibile. 

Ecco 'step by step' uno schema che ti può aiutare nell'organizzazione del cambio di casa sia per conto tuo che tramite un'azienda specializzata.

PER IL TRASLOCO "FAI DA TE":

  • prepara per tempo i materiali che serviranno per l'imballaggio: molti scatoloni di varie grandezze (procuratene qualcuno molto lungo per trasformarlo in armadio 'volante' infilando un bastone da lato a lato) nastro da pacchi, fogli a bolle d'aria (pluriball), un pennarello indelebile, vecchie coperte e delle funi per legare insieme oggetti o fissare i mobili all'auto o al furgone.
  • verifica il costo del noleggio di un furgone per trasportare gli oggetti più voluminosi
  • dividi ogni scatolone per stanza e numera gli scatoloni (es. cucina 1, cucina 2, ecc.), in questo  modo sarà più facile ricollocare gli oggetti una volta che sarai nella nuova casa. Riporta queste informazioni sulla lista dettagliata che avrai preparato ed inserito in ogni scatolone.
  • gli scatoloni che preparerai non devono superare il peso di 15/20 chilogrammi altrimenti sarà difficile poterli spostare con facilità.
  • scrivi sempre in modo chiaro 'FRAGILE' o 'NON CAPOVOLGERE'se lo scatolone contiene oggetti delicati o liquidi.
  • per proteggere gli oggetti più fragili durante il trasporto, fodera uno scatolone con fogli di 'pluriball' e poi isola ogni singolo oggetto con il medesimo materiale.
  • fotografa la disposizione dei libri negli scaffali, dei vestiti negli armadi, dei suppellettili sulle mensole, la collocazione dei fili degli apparecchi elettronici, questo pro-memoria ti aiuterà a risistemare gli oggetti in poco tempo.
  • blocca i cassetti dei mobili e le ante con del nastro adesivo per evitare che si spalanchino improvvisamente al momento di caricarli sul furgone. Ripara le ante in vetro e gli specchi con dei fogli di pluriball.

PER IL TRASLOCO CON UN'AZIENDA SPECIALIZZATA:

  • richiedi sempre più di un preventivo per verificare e confrontare il prezzo finale
  • solitamente le aziende che si occupano di traslochi forniscono anche tutti i materiali per contenere, conservare e trasportare mobili ed oggetti.
  • fotografa o filma lo stato dei mobili, soprattutto quelli più pregiati, per tutelarti, avrai più strumenti a tua disposizione per verificare eventuali contestazioni. Prepara anche un inventario dettagliato sugli oggetti presenti ed inseriti negli scatoloni
  • cerca di essere presente al momento dell'inscatolamento degli oggetti, diffida dell'agenzia che non vuole la tua presenza.

In entrambi i casi è bene tenere sempre con sé tutti gli oggetti di valore, i documenti e quelli personali mettendoli in uno zainetto da tenere sempre addosso. Non bisogna dimenticare di lasciare a portata di mano i medicinali che non devono rimanere in un ambiente troppo caldo. Piante e animali domestici soffrono particolarmente lo spostamento, vedi se ti è possibile lasciarli a qualcuno e ritornare a riprenderli a trasloco fatto nella città di destinazione o in quella dove si abitava. Se devi lasciare un appartamento in affitto ricordati di prenotare per tempo un imbianchino per la tinteggiatura della casa a meno che non decida di farlo personalmente.

Prima di lasciare la città è bene chiudere tutti i contratti legati ai servizi di luce, gas, telefono ed acqua ed avvisare la banca per la nuova domiciliazione delle bollette, inoltre bisogna avvertire l'Ufficio imposte dirette circa il nuovo domicilio fiscale, l'Asl per il medico di base, l'Ufficio anagrafe per la residenza e il servizio comunale dedicato al ritiro dei rifiuti urbani. Comunica all'Ufficio postale della tua città di trasferire tutta la tua corrispondenza al nuovo domicilio.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta