INTERNI

Rimodernare un vecchio appartamento di 70 mq e razionalizzare gli spazi con allegria

Il progetto prevede il rimodernamento di una vecchia abitazione, con notevoli problemi di distribuzione degli spazi, dovuti alla presenza di un solo bagno, per di più con ingresso dalla cucina, alla rigida divisione fra soggiorno pranzo e zona cottura, allo sviluppo eccessivo delle camere da letto nel senso della lunghezza.
LEGGI IN 2'

Si rende necessario, inoltre, il rifacimento di tutti gli impianti, poiché ormai obsoleti e non rispondenti alle attuali norme di sicurezza, con conseguente sostituzione di infissi e pavimenti.

La soluzione proposta risolve tutti i problemi spaziali evidenziati, rendendo più flessibile lo spazio e più moderna la distribuzione degli ambienti, senza creare aumenti di volume, che comporterebbero problemi in sede di concessione edilizia.

Nonostante la scarsa superficie utile a disposizione, si è riusciti a prevedere due locali di servizio. Il primo (Wc 1) si è ottenuto spostando il bagno esistente dalla posizione scorretta nella zona cucina all’area perfettamente disimpegnata in fondo al corridoio e sfruttando l’areazione naturale di una finestra esistente. Il secondo (Lav) si è ricavato nello spazio accanto, alle spalle della zona cottura, con accesso in un angolo della terrazza e si è attrezzato con pilozza/lavabo, vaso e lavatrice.

Lo spostamento dei servizi igienici è reso possibile dalla previsione del rialzo dell’intero piano di calpestio dell’appartamento, da realizzarsi con massetto alleggerito da argilla espansa, per il passaggio delle tubazioni verso la colonna di scarico esistente. La riduzione dell’altezza netta di piano è resa possibile da un interpiano di partenza pari a 3,28 m, notevolmente superiore al minimo consentito per il requisito di abitabilità. La cucina ed il soggiorno-pranzo sono diventati un’unica area integrata, conservando in ogni caso la possibilità di schermare la zona cottura con pareti scorrevoli o diversi tipi di pannelli a scomparsa. Di fronte al frigorifero, con la predisposizione di un tramezzo a U, si è previsto uno spazio-dispensa, che sulla parete opposta funge da angolo televisore.

Le camere da letto sono state suddivise ciascuna in due aree: la zona posti-letto e la zona ripostiglio o spogliatoio (S1 ed S2). Infatti le pareti che delimitano le camere sono in muratura portante e non possono subire spostamenti o modifiche. Ulteriori due spazi per il riposo sono stati ricavati nel divano letto del soggiorno. L’immagine del progetto si completa con la scelta di piastrelle in monocoltura dai colori freschi e vivaci, accostate liberamente al legno o ai materiali plastici e metallici degli arredi, con un tocco di allegria e senza noiosi pregiudizi di stile.

L’importo totale massimo preventivato per l’intervento non supera i 30.000 euro, compreso sostituzione degli infissi e finiture di pareti e piani di calpestio.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta