VIAGGI

Port Royal, la città più malvagia della terra

Se non ti è possibile viaggiare, è arrivato il momento di viaggiare con la fantasia e la storia. Conosci la Jamaica? E sai che la città più malvagia della terra si trova proprio lì ed è un porto di pescatori con un passato da pirata.
LEGGI IN 2'

Halloween è l’occasione giusta per parlare di storie pericolose e dell’orrore, di posti che possono fare paura perché hanno una storia piena di ombre. L’esempio per eccellenza è Port Royal, una piccola località della Jamaica, eletta città più malvagia della terra. Questo porto è poco distante dalla capitale Kingston, che già di suo si è conquistata  la fama di luogo più malfamato e peccaminoso al mondo.

Queste due città ricordano molto Sodoma e Gomorra, le città bibliche e Port Royal è stata distrutta da un evento naturale considerato una punizione divina, durante cui persero la vita più di 2mila persone. Oggi è un villaggio di pescatori tranquillo che si estende alla fine di un banco di sabbia di 29 km. Controllata dagli spagnoli per più di 150 anni a causa della sua posizione strategica, la Giamaica fu attaccata da un corpo di spedizione inglese nel 1655 e rapidamente si trasformò in un possesso redditizio. La mancanza di forza lavoro inglese, tuttavia, significava che per proteggere l'isola, l'allora governatore Edward D'Oyley fu costretto a reclutare una coalizione di pirati e corsari.

Se a questo quadro aggiungi le ricchezze portate dal commercio di schiavi, zucchero e legna da ardere, Port Royal diventa un luogo di vizio e di delinquenza. Ha attirando famosi nomi di marinai dell'epoca come il capitano Henry Morgan, lo stesso guidò violenti saccheggi di Panama City e Maracaibo.

Questa "Pompei dei Caraibi" è attualmente in procinto di diventare Patrimonio dell'Umanità Unesco e tale riconoscimento sarebbe accolto calorosamente in una parte del mondo che è stata finora sottorappresentata. Inoltre, proprio quest’anno hanno iniziato ad attraccare le prime navi da crociera, come a dire “il passato è passato”.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione