PSICOLOGIA

Sogni lucidi: cosa sono e come si possono controllare

LEGGI IN 3'

Si chiama onironautica ed è un termine tecnico usato nella psicologia moderna per definire i cosiddetti sogni lucidi, precisamente quelli in cui si prende coscienza di trovarsi nel mondo onirico e si riesce ad esserne protagonisti. Inutile dire che questo fenomeno è da tempo oggetto di studio sia da parte della scienza, sia dall'occulto, suscitando interesse e domande da molti fronti.

L'arte di controllare i sogni, che è ben diverso dal fare sogni premonitori, è in effetti un argomento scottante e interessante allo stesso tempo, in quanto a tutti solletica l'idea di poter sognare lucidamente, interagire con il proprio mondo interiore e capire meglio la propria mente. Gli onironauti sono infatti in grado di affrontare e sconfiggere le ansie e le paure più profonde, proprio navigando nel proprio subconscio durante il sonno.

Proviamo quindi a capire di più riguardo ai sogni lucidi.

Sogni lucidi: cosa sono e come riconoscerli

Come detto, i sogni lucidi sono un tipo di sogno in cui la persona è perfettamente cosciente di non vivere nella realtà ma nel proprio universo onirico. Ci si trova all'interno di un sogno lucido se ci si rende conto, ad esempio, di dettagli surreali, come la presenza di una persona defunta, animali che parlano o oggetti che diventano animati.

Nei sogni normali tutto questo accade, ma ci rendiamo conto delle stranezze solo dopo svegli. Ripercorriamo e raccontiamo il sogno, consapevoli dell'impossibilità che certe situazioni possano verificarsi nella vita reale. Al contrario, nel sogno lucido siamo consci già mentre sogniamo che non ci troviamo nella realtà e questo ci permette di non essere semplici spettatori, ma di interagire con i vari elementi del sogno stesso e controllarlo.

Come controllare i sogni con l'onironautica

Per alcune persone il controllo lucido dei sogni è un processo del tutto naturale. Per certi fortunati soggetti basta infatti trovarsi anche solo una volta all'interno di un sogno lucido, per capire i meccanismi utili a replicare l'esperienza. Ovviamente si tratta di casi rari, ma ciò non vuol dire che l'onironautica sia ad appannaggio di questi pochi eletti.

Chiunque può infatti provare a controllare i sogni, facendo qualche utile esercizio durante la giornata. Il metodo più efficace è aumentare la propria consapevolezza della realtà, osservando tutto quello che ci circonda e fissando dettagli e particolari visivi, uditivi, tattili e olfattivi. Stimolare i 5 sensi ad essere vigili e attenti ai cambiamenti, ci può aiutare a distinguere nel sogno tutto ciò che invece è irreale.

Coricarsi con l'intento di ricordare quello che si è sognato, stimolando la memoria a focalizzare i dettagli e scrivere tutto in un diario, può rendere più semplice controllare i sogni. Allo stesso modo, visto che i sogni lucidi avvengono soprattutto in uno stato di sonno non profondo, solitamente prima della sveglia, un altro metodo per provare a tenerne le redini è di modificare i cicli di addormentamento, anticipando il risveglio di un'ora e mezza per qualche giorno e alternando il nuovo orario a quello vecchio.

In alternativa si può fissare il risveglio a 5-6 ore dopo la messa a letto, concentrando l'attenzione sull'argomento dell'onironautica e ricoricandosi un'ora dopo. Ovviamente le ultime due tecniche non possono diventare abitudine, perché si corre il rischio di sfalsare i ritmi circadiani e alla lunga danneggiare la salute. Sono inoltre da evitare se soffriamo di problemi cardiocircolatori.

Decidere cosa sognare è possibile

Un'altra sfaccettatura dell'onironautica è rappresentata dal controllo dei sogni già prima del momento dell'addormentamento. In pratica si può decidere cosa sognare. Ovviamente non è come scegliere un film e guardarlo in TV, ma con le tecniche giuste è possibile indirizzare il proprio sogno verso quello che desideriamo.

Anche in questo caso bisogna concentrarsi sulla fase pre-addormentamento, stimolando il relax attraverso respirazione e meditazione, concentrandosi su quello che si vuole sognare e su elementi specifici, come un volto, un luogo o una sensazione. Per aiutarci possiamo usare anche musica di sottofondo e aromaterapia.

Il passaggio dal rilassamento al sonno deve essere graduale e dolce, condizione indispensabile per arrivare al sogno lucido partendo dai pensieri ad occhi aperti.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione