SCUOLA DI CUCINA

Come fare lo zenzero candito per le nostre ricette dolci

LEGGI IN 2'

La frutta candita è certamente uno degli ingredienti più preziosi per la preparazione dei dolci autunnali ed invernali. Dai plum cake al classico panettone natalizio, queste deliziose perle in sciroppo di zucchero donano sapore e aroma ai nostri dessert, talvolta diventando protagoniste delle migliori ricette per la stagione fredda.

Parliamo ad esempio dello zenzero candito, una vera delizia zuccherina dal retrogusto piccante. Per realizzarlo ci vogliono pochissimi ingredienti e anche poca strumentazione. Bisogna invece mettere in conto un pochino di tempo, perché per la canditura perfetta è necessario eseguire alcuni passaggi un po' lunghi. Ma a parte questo la ricetta è molto facile da eseguire.

Consideriamo pari quantità di zenzero e zucchero semolato, più un eventuale extra se vogliamo ricoprire le fettine con una manciata di semolato. In più mettiamo da parte anche un pizzico di sale, che andrà a bilanciare un po' la dolcezza dello sciroppo.

La preparazione dello zenzero candito

Acquistiamo radici di zenzero giovani, più adatte al nostro lavoro, poi sbucciamole e affettiamole con una mandolina in fette sottili di circa 2-3mm di spessore. Mettiamole in una pentola, copriamo il tutto con dell'acqua e portiamo a bollore, cuocendo per circa una mezz'ora. Passato questo lasso di tempo filtriamo il liquido e teniamone metà da parte.

Versiamo l'acqua aromatizzata nuovamente nella pentola e aggiungiamo sale e zucchero, mescolando bene, poi tuffiamo le fette di zenzero bollite e riaccendiamo la fiamma. Portiamo ad ebollizione e poi riduciamo il calore, facendo sobbollire per circa tre quarti d'ora o comunque fino a quando il liquido non si è ridotto al minimo e la temperatura non sarà vicina ai 105° C.

Spegniamo il fuoco e tiriamo fuori le fette di zenzero con una pinza da cucina, disponendole su una griglia a far raffreddare ben distanziate. Per evitare di macchiare il piano da lavoro, disponiamo la griglia su una teglia foderata con carta forno. Lasciamo raffreddare per un paio d'ore e poi, se vogliamo, rigiriamo le fette di zenzero candito in una ciotola con zucchero semolato.

Prima di conservarle definitivamente, lasciamole riposare per una notte intera sulla griglia, precedentemente pulita dagli eventuali residui di sciroppo di zucchero. Ovviamente sistemiamo il supporto lontano da fonti di calore e preferibilmente in un luogo fresco e asciutto della casa.

Il giorno dopo il nostro zenzero candito sarà pronto per essere utilizzato o conservato in un contenitore ermetico, da tenere in dispensa, dove non riceva calore o luce diretta.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione