ERBORISTERIA

Insonnia e difficoltà ad addormentarsi: i rimedi naturali per risolvere il problema

LEGGI IN 2'

L'insonnia è un problema che affligge una larga fetta della popolazione mondiale, soprattutto quella che vive nei paesi industrializzati. Lo stress dell'era moderna, sia fisico sia psicologico, le abitudini alimentari sbagliate e una scorretta igiene del sonno, sono tutte concause che contribuiscono ad alimentare questo disagio che, se non affrontato, può anche diventare cronico.

Durante i cambi di stagione poi, soprattutto quelli primaverili e autunnali, quando non solo variano ritmi e abitudini, ma si mandano anche avanti o indietro le lancette dell'orologio, l'insonnia è sempre in agguato, rendendoci anche più difficile abituarci a tutto ciò che varia intorno a noi.

Tuttavia, tanto fastidioso può essere il problema, alla base di scarsa concentrazione, mal di testa e anche disturbi gastrici, tanto è semplice la soluzione. Rendere il nostro stile di vita più equilibrato e salutare, ma anche aiutare il nostro benessere psico-fisico con i giusti rimedi naturali anti-insonnia, sono escamotage che ci permetteranno di non incappare nel circolo vizioso generato dal dormire poco e male.

Innanzi tutto parliamo di stress, nemico numero uno delle nostre notti serene. Per scaricare ogni tensione e bypassare la difficoltà ad addormentarsi, possiamo aiutarci con lo sport, che ci fa sudare, sgranchire ed eliminare le tossine, ma che induce anche il nostro cervello a liberare endorfine e quindi ad essere più felici e serene.

Chi pratica attività fisica costante e moderata, ha infatti meno probabilità di soffrire di insonnia. Se poi servisse un piccolo aiuto ad accompagnarci fra le braccia di Morfeo, possiamo sempre chiudere la giornata con una mezz'ora di yoga o meditazione, che ci predispongono correttamente al sonno notturno.

Parliamo anche di orari e confort della stanza. Per scongiurare risvegli improvvisi e godere invece di un sano riposo, è assolutamente necessario che a cena si faccia un pasto leggero, facilmente digeribile e che non ci si corichi nelle tre ore successive da quando ci si alza da tavola. Attenzione anche all'ora del pasto serale, che non dovrebbe mai iniziare dopo le 20:30.

Importantissimo è poi rendere la stanza un luogo generatore di relax e sensazioni positive. Sì all'aromaterapia, bruciando nel fornelletto oli essenziali che favoriscono il rilassamento e combattono l'insonnia, come la lavanda o l'elicriso, ma soprattutto sì alla scelta della temperatura giusta della stanza, che non dovrebbe essere superiore ai 20° C.

No invece smartphone e tablet, che dovrebbero essere spenti almeno mezz'ora prima dell'andata a letto. I device tecnologici infatti stimolano il cervello e gli impediscono di entrare nel mood giusto pro addormentamento, dandogli il comando di restare sveglio e vigile. Al posto dei giochini preferiamo invece leggere un libro, che concilia il sonno in maniera naturale.

Prima della nanna, per scacciare via brutti pensieri e insonnia, concediamoci anche un massaggio ai piedi e una tisana rilassante. Ottime quelle a base di camomilla, tiglio e valeriana, da sorseggiare però non immediatamente prima di coricarsi per evitare uno spiacevole effetto diuretico a metà nottata. In alternativa chiediamo all'erborista una tintura madre a base di queste piante, stillandone poche gocce in un cucchiaio d'acqua. Dormire sarà molto più facile.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Silvia

Grazie mi serve io ne soffro..

6 mesi fa

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione