LA MELAGRANA

La melagrana

Il sapore agrodolce della melagrana rappresenta la tavola di novembre! Scopri le sue origini, le proprietà benefiche e gli usi in cucina di questo frutto.

Innanzittutto, togliamoci un dubbio: si dice melograno o melagrana? Ilmelograno si usa in riferimento alla pianta, mentre il termine melagrana, che nel linguaggio dei fiori significa "amore ardente", sta a indicare il suo frutto con le tipiche bacche rosse. La pianta trova le sue origini nell’Asia Occidentale e appartiene alla famiglia delle Punicaceae. La sua crescita è piuttosto lenta ma riesce ad arrivare ad un’altezza anche di cinque metri con rami contorti e spinosi. La sua diffusione è fiorente dove il clima risulta essere più caldo perché troppe piogge ed elevata umidità possono compromettere la pianta. Il suo frutto è la melagrana, una bacca carnosa con una buccia spessa di colore giallo con le classiche sfumature rosso - arancio. Al suo interno sono presenti numerosi semi ricoperti da una polpa rossa e trasparente, il cui sapore è inconfondibile e leggermente aspro. 

Come scegliere la melagrana?

Quando si acquista questo frutto, è importante controllare l’intera superficie per verificare che non siano presenti rotture o ammaccature. Inoltre, per essere matura la melagrana deve avere un colore rosso con sfumature giallastre. La maturazione è importantissima perché avviene solo sulla pianta: comprando un frutto acerbo non c’è possibilità che maturi successivamente.

Le varietà più conosciute in Italia sono Dente di Cavallo, Neirana, Profeta Partanna, Selinunte, Ragana e Racalmuto, con un sapore decisamente agrodolce. Altri tipi di melagrana hanno semi tanto duri da non poter essere nemmeno commestibili e quindi vengono usate a scopo ornamentale, ad esempio per centrotavola.

Melagrana, proprietà benefiche e usi

La melagrana è un frutto ricchissimo di vitamina C e minerali che la rendono un vero e proprio vaccino contro i malanni di stagione. È anche un antiossidante naturale, un aiuto per riequilibrare il sistema ormonale - ad esempio durante la menopausa. Ci sono diversi modi per inserire nella tua dieta questo frutto e sfruttarne i benefici per la salute.

Puoi usare le foglie di melograno per preparare un infuso da utilizzare come antispasmodico e tonico, o per rafforzare le gengive e la gola. Usa il succo ricavato dalla melagrana ben matura per creare una piacevole bevanda diuretica, indicata nelle infiammazioni uriniarie e biliari.

Oltre a infusi e succhi, puoi usare la melagrana in moltissime ricette detox. Prova ad abbinare i chicci di melagrana con i finocchi in una gustosa insalata invernale, oppure sfrutta la melgrana per aumentare la digeribilità delle carni

COSA NE PENSI ?

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione
close