GUIDE ECO

Bambini, crescere con l’ecologia

LEGGI IN 2'

La toilette del bimbo è eco

Le nonne lo dicevano, ma le nostre mamme non ci credevano. E invece, la saggezza antica in questo caso aveva proprio ragione. Oggi, i pediatri più attenti e aggiornati ci confermano che fino ai 6-8 mesi i piccolini non hanno bisogno di nessun prodotto detergente, tantomeno di quelli aggressivi e poco rispettosi dell’ambiente.

Un consiglio davvero bio e naturale? Per la toilette dei bebè utilizzate sale marino integrale e amido di mais diluiti in acqua, avvalendovi di una spugna naturale imbevuta nella soluzione. Ottima soluzione sia per la pelle del corpo che per i capelli.

Un bagnetto da favola, per una pelle morbidissima, detersa e rinfrescata, si prepara invece sciogliendo polvere di amido di riso nell’acqua della vasca. Per il cambio di pannolino, sono adatti olio di mandorla o altro olio erboristico lenitivo, come quello di calendula, che svolge anche funzione cicatrizzante.


Superati i 10 mesi si può iniziare con i detergenti delicati facendo molta attenzione alle quantità. Particolarmente indicata la saponetta alla calendula, da scegliere tra quelle proposte da produttori certificati bio.

Dai pannolini al look ‘sostenibile’

Il dibattito sul ripristino di pannolini di tessuto e ciripà vari, ferve tra gli ecologisti convinti. Diciamo però la verità: quella del pannolino usa e getta è stata una delle invenzioni migliori degli ultimi 60 anni. Anche in questo caso però possiamo operare delle scelte ecosolidali: esistono infatti in commercio pannolini classici monouso, ma privi di sbiancanti, profumi o cloro. Chi invece vuole provarci con i pannolini da lavare e riutilizzare, trova consigli e indicazioni su www.bimboenatura.it

Piccoli dandy ecofriendly

Molte linee di abbigliamento da zero a 13 anni rispettano i canoni ecologici per quanto riguarda la scelta dei tessuti. Basta guardarsi intorno o sulla rete per scoprire una miriade di proposte.

Pappe bio

Al tempo dello svezzamento, le prime pappe si fanno con verdure fresche, meglio se da agricoltura biologica, ma sempre di stagione: patate, carote, fagiolini, piselli, spinaci, sedano, carciofi, coste, bietole, zucchine, zucca, cavoli, cavolini di Bruxelles e tutte le varietà di insalate. Alle verdure alcuni consigliano di aggiungere anche le alghe (Iziki o Dulse), che contengono una grande quantità di minerali. 

Escludere rigorosamente sale o dado. Al brodo si aggiungeranno la crema di riso, oppure crema di mais o tapioca, o semolino, o multicereali, o miglio, o grano saraceno, per ultimo orzo. Anche in questo caso si trovano in commercio creme non trattate e certificate bio. 

Quando sarà il momento seguendo le indicazioni del pediatra si aggiungerà la carne fresca evitando assolutamente i liofilizzati e gli omogeneizzati, spesso contenenti additivi o conservanti. Idee sfiziose e sane per le pappe dei bimbi le potete trovare su www.ilcucchiainodialice.it.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione