2018/08/19 23:27:015515

CONSIGLI UTILI

Zanzare comuni e tigre, quali sono le differenze?

LEGGI IN 2'

La bella stagione, purtroppo, porta sempre con sé la lotta alle zanzare, che ogni anno rendono poco piacevoli le serate in città, i momenti più freschi della giornata al parco o in giardino. Nel mondo esistono circa 3mila specie di zanzare, di queste circa 70 sono presenti in Italia. Le più frequenti (e fastidiose) sono la cittadina Culex pipiens, le specie palustri come Aedes rusticus e Aedes ca spius, che non disdegnano anche i centri urbani, o l'Aedes albopictus, più nota come zanzara tigre.

In linea di massima, non si usano i termini tecnici ma si distingue tra zanzare comuni e zanzare tigre. Quest'ultime si differenziano grazie all'aspetto a strisce (bande bianche su addome e zampe e una linea bianca nella parte anteriore). È un insetto diffuso in tutto il Sud-est asiatico, dotato di una straordinaria capacità di adattamento ad ambienti completamente diversi da quelli originari. In Italia è arrivata nel 1990 e purtroppo negli ultimi 5 anni le colonie si sono diffuse praticamente su tutto il territorio nazionale. La zanzara tigre è vitale tra maggio e ottobre.

Le zanzare comuni vivono mediamente 5/6 mesi, senza allontanarsi troppo dal focolaio, ma ci sono anche zanzare "girovaghe", come quelle delle paludi salmastre che possono viaggiare per 150 km. Le zanzare tigre, invece, hanno una vita media di circa 3-4 settimane che si svolge in un raggio di poche centinaia di metri dal focolaio di nascita. L'adulto vola lentamente non superando quasi mai il metro d'altezza e solo in pochi casi riesce a raggiungere i piani alti dei palazzi.

In entrambi i casi a pungere sono sempre e solo le femmine, perché il sangue è ricco di proteine necessarie allo sviluppo delle uova. I maschi? Preferiscono dedicarsi al nettare dei fiori. Sono attirate dai colori scuri, dai profumi (anche dal sudore forte) che riescono a percepire fino a 30 metri di distanza.

La zanzara comune depone le uova a grappoli in raccolte d'acqua (come fossi, laghi), mentre la zanzara tigre sceglie piccole pozze d'acqua (tombini e acqua stagnante). A differenza della zanzara comune, la tigre predilige vivere in spazi aperti anche se talvolta non disdegna di farci visita nelle nostre case. È molto probabile inoltre che, se sei stato punto di giorno, a colpirti sia stata la tigre, la sera o la notte invece è più attiva la zanzara comune, che ha un apparato pungitore più esile.

Si possono distinguere anche del ronzio: quello della zanzara comune è ben udibile, mentre quello della zanzara tigre è quasi inavvertibile. Da notare che non emettono nessun verso, semplicemente quello che si sente è il rumore dovuto al rapido batter d'ali (da 300 a 600 volte al secondo). Secondo alcuni esperti sarebbe un richiamo amoroso: attirata dal ronzio del maschio, la zanzara femmina comincia a imitarlo. Purtroppo, la zanzara tigre può essere pericolosa perché è spesso vettore di alcune gravi malattie virali, tra cui la Chikungunya, la dengue, la febbre gialla e alcune encefaliti nelle zone tropicali e in numerose zone dell'Asia. Nelle nostre zone questi agenti patogeni sono per fortuna assenti o molto rari.

 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione