2018/08/17 14:56:4447150

ESTERNI

Come fare un orto biologico perfetto

LEGGI IN 2'

Orto biologico: le regole fondamentali

Un perfetto orto biologico è il sogno di tutti, chi non ama mangiare prodotti sani, frutto della terra e coltivati secondo regole naturali e prodotti biologici? Vediamo allora le regole e i consigli per creare a casa un perfetto orto biologico, i prodotti, la terra, le regole per coltivare gli ortaggi e combattere i parassiti in modo naturale.

Il terreno
Rinunciare a fertilizzanti, erbicidi e prodotti chimici richiede una buona dose di impegno e dedizione, ma nella natura abbiamo tutti gli strumenti per avere un orto efficiente e naturale. Il primo passo è quello di studiare bene la composizione del terreno, un’analisi accurata del terreno permetterà di capire il Ph del suolo, la sua composizione, eventuali agenti nocivi presenti, l’esposizione a vento, pioggia e sole. Questo permetterà di capire anche quali sostanze sarà opportuno integrare per rendere il terreno più produttivo. Dovremo cercare di scegliere un punto con molto sole e un buon drenaggio, evitando zone ventose o di ristagno dell’acqua, l’aratura è un passaggio fondamentale dovremo rendere il terreno morbido e soffice, eliminando pietre, sassi, erbacce e zolle. Il terreno e le piante vanno nutrite soltanto con concimi biologici: letame, pollina, compost, terricciati, torba.

Scopri anche come avviare un orto sinergico!


Concimi naturali
Oltre al classico letame ci sono molti prodotti naturali che permettono una buona concimazione dell'orto bio, la cornuchia è costituita da frammenti biologici sminuzzati di origine animale, anche sangue secco e farina di pesce provengono dalla lavorazione di prodotti alimentari. La “concimazione verde” consiste invece nella coltivazione di alcune erbe che vengono poi tagliate e lasciate decomporre sul terreno aiutando così il suolo ad arricchirsi di sostanze nutritive.

Come piantare
Per un orto biologico di tutto rispetto, è consigliabile seminare una grande varietà di specie vegetali, l’importante è tenere ben presente le caratteristiche del terreno e della zona geografica in cui si vive, la varietà delle colture e la loro rotazione permettono di aumentare la fertilità e la resa del terreno. La semina dovrà essere fatta effettuando dei piccoli buchi e distanziando bene i semi da una pianta all’altra, la profondità dei solchi dipenderà dal tipo di terreno.

L’annaffiatura
L’annaffiatura è un momento molto importante per il nostro orto biologico, l’applicazione di una “doccettao uno spruzzino sull’annaffiatoio permetteranno di ricreare l’effetto di una dolce pioggerellina, anche l’irrigatura localizzata a goccia, permette una migliore efficacia e un risparmio di acqua. L’acqua di cottura, l’acqua piovana e l’acqua che fuoriesce mentre aspettiamo che si scaldi possono essere riciclate per l’annaffiatura.

Difendersi dai parassiti
Quando si presenta la necessità di combattere parassiti e malattie ci dobbiamo orientare verso tecniche colturali che tendono ad escludere l’uso di sostanze chimiche. Una buona tecnica è quella della lotta biologica immettendo nell’ambiente antagonisti naturali (altri insetti) dei parassiti. Ma non potremo evitare di intervenire manualmente eliminando larve e insetti adulti parassitari o estirpando le piante invasive, ci sono poi alcune siepi o piante che creano una barriera difensiva contro gli insetti invasivi.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione