PSICOLOGIA

Pensare troppo: come smettere e vivere con più serenità

LEGGI IN 3'

La decisione che non prendiamo, i mille dubbi sulla scelta già fatta, i pensieri ricorrenti su quello che gli altri pensano di noi: pensare troppo può far male. Lo sappiamo perché vorremmo smettere e agire, vivere con serenità.

Inoltre - lo sperimentiamo - il cosiddetto overthinking può essere paralizzante rispetto alle decisioni più banali e, secondo alcune ricerche, può incidere su sonno e rischio di malattie mentali.

Dunque, cominciamo a renderci conto che, almeno in alcuni casi, esageriamo, che il nostro metterci in discussione, l’eccessivo pensare o il voler fare le cose alla perfezione rasentano il parossismo. Poi possiamo provare a smettere, ma, se non ci riusciamo, valutiamo anche di andare da un esperto.

Pensare troppo, come smettere e vivere con serenità
1) Impossibile cambiare il passato
A dispetto della tendenza a pensare e ripensare (e ripensare ancora) a quanto abbiamo fatto, a cosa abbiamo detto, a cosa pensano gli altri del nostro gesto, dovremmo innanzitutto accettare il fatto che non si può modificare il passato. Quindi, rimuginare e rivivere mentalmente una situazione passata e dirsi: “ah, se avessi fatto diversamente” serve solo a lambiccarsi il cervello: poniamoci un freno.

2) Guardare al futuro trasformando i “se-allora”
Possiamo guardare al futuro e alle conseguenze delle nostre scelte con ansia: di nuovo, rischiamo di avvilupparci in una spirale di pensieri che non portano da nessuna parte. Possiamo, perciò, provare a trasformare i nostri “se”, che ci impediscono di prendere una decisione definitiva, in “se-allora” concreti e fattivi.

Comunque andrà, prendiamo una direzione, facciamo un passo: solo il tempo ci dirà se quella è la scelta giusta, e non è detto che non possiamo rimodularla e cambiarla. Da dove potremmo cominciare? Da questa inferenza: “se smetto di pensare troppo, allora posso vivere il presente”.

3) Il meglio è nemico del possibile
Spesso, un altro assillo di chi pensa troppo è il perfezionismo, che diventa controllo maniacale che blocca o allunga in modo smisurato i tempi delle nostre azioni e dei nostri progetti. Ti riconosci? Se sì, comincia a pensare che il meglio è nemico del possibile, vale a dire che inseguire la perfezione rischia di paralizzarci e di limitarci.

Dunque, chiudiamo un progetto o svolgiamo il nostro compito al meglio delle nostre capacità, ma portiamolo a termine in tempi umani, nella consapevolezza che non potrà essere perfetto in toto, perché ci sarà sempre qualcosa di migliorabile: possiamo farne tesoro per la prossima scadenza.

4) Dare un limite all’overthinking
Dunque, per smettere di pensare troppo in modo negativo, dobbiamo cominciare a darci un limite e agire. Possiamo prefissare un tempo prestabilito entro il quale decidere o terminare qualcosa, inventarci una battuta o una parola d’ordine o scrivere un post-it e ricordarli quando ricominciamo con il pensare eccessivo, o semplicemente dirci "basta".

5) Fare e condividere
Insomma, cerchiamo di fare. In questo senso, alcune attività come lo sport, la meditazione o anche un hobby possono aiutarci in quanto implicano un fare o un pensare, appunto, che non si lascia paralizzare dal pensare troppo.

Inoltre, condividere i nostri dubbi con gli altri può aiutarci perché le persone care possono porre argine al nostro pensare troppo, o magari farci capire che, no, il nostro comportamento o la nostra battuta non li avevano feriti. E noi, magari, abbiamo passato la serata a pensarci.

Come valuti queste strategie? Tu cosa fai per non pensare troppo?

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Carla

e' vero si è assaliti sempre da mille dubbi mille pensieri che non ci lasciano vivere sereni,bisognerebbe pensare un po' più a se stessi

5 mesi fa

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY