IN FORMA

Orologio biologico, 5 errori da evitare per dormire bene la notte

LEGGI IN 2'

L’orologio biologico si è imposto al centro dell’attenzione con il Nobel per la Medicina 2017: prendiamolo a  pretesto per  ripassare gli errori che non ci fanno dormire bene la notte. E ripensare che forse dovremmo essere regolari per rispettare i ritmi sonno-veglia.

Orologio biologico e salute
L’esistenza di un orologio interno che si adatta alle condizioni ambientali esterne, di luce e buio per esempio, era già noto. Jeffrey Hall, Michael Rosbash e Michael Young hanno chiarito in che modo questo adattamento avvenga, per questo gli è stato assegnato il Nobel.

La disarmonia tra ritmo circadiano e stile di vita potrebbe avere delle ricadute sulla salute, tra l’altro, anche rispetto a rischi di cancro, depressione e memoria.

Consideriamo, inoltre, che oltre ai cosiddetti “normali”, ci sono pure i gufi e le allodole che possono avere un ritmo posticipato o anticipato, per così dire.

Orologio biologico, 5 errori da evitare per dormire bene la notte
1) Non vivere emozioni troppo intense
Che sia la conversazione cruciale con l’amica, il film particolarmente cruento, il lavoro o la partita ai videogiochi, prima di andare a dormire, prendiamo in considerazione di evitare le attività stressanti o ad alto contenuto emotivo. Queste, infatti, sono connesse con la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress che, come vediamo nel grafico dell’orologio biologico, viene rilasciato a partire dalle ore mattutine.

2) Non fare sport troppo tardi
Le attività fisiche rischiano di eccitarci troppo e tendono ad aumentare la nostra temperatura: la loro pratica non dovrebbe essere troppo ravvicinata al momento in cui andiamo a letto.

3) Non usare cellulari, smartphone e simili
Secondo le ricerche, i dispositivi elettronici, con le luci blu, vanno a interferire con la melatonina, la cui secrezione agisce sul ritmo sonno-veglia (nel grafico dell’orologio circadiano interno, la sua produzione viene segnalata nelle ore serali). In questo senso, alcuni studi dimostrano la correlazione tra cattiva qualità del sonno e uso di dispositivi elettronici, ad esempio, dopo le 21.

4) Non trascurare la temperatura
Una stanza troppo calda o troppo fredda incide negativamente sul nostro riposo, quindi, per dormire bene la notte, non trascuriamo il fattore temperatura. Anche la luce eccessiva e i dispositivi accesi e rumorosi possono disturbare il riposo.

5) Non sovraccaricare la schiena
Per dormire bene la notte, occhio anche alla posizione. Gli esperti sconsigliano di stare a pancia in giù. Se dormiamo in posizione laterale, avviciniamo le ginocchia al petto evitando di incrociarle. Se tendiamo a stare in posizione supina, possiamo mettere un cuscino sotto le ginocchia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione