DIVENTARE MAMMA

Mamma dopo i 40 anni, quali sono i rischi

La gioia della maternità spesso arriva tardi, oltre i 40 anni. Quali sono i rischi di una gravidanza così avanti negli anni? Ecco i potenziali pericoli che con il dovuto riposo e, soprattutto, seguiti da un equipe medica esperta, si possono evitare o prevenire.
LEGGI IN 2'

Diventare mamma è un passo importante, di grande cambiamento, ed è per questo che molte donne attendono il momento giusto. Qual è questo famoso momento giusto? Quello in cui ci si sente pronte ad assumersi un impegno simile, quando si ha finito di studiare, quando sia ha un lavoro stabile e possibilmente ben pagato o, magari, semplicemente quando si trova il compagno con cui costruirsi una famiglia.

Nell'attesa, gli anni passano e superati i 35 anni il corpo ha un crollo della fertilità che mette a rischio la realizzazione di questo sogno. Sono sempre di più le signore che decidono di avere un figlio dopo i 30 anni. L'Italia è il Paese europeo dove le donne fanno il primo figlio più tardi (30,8 anni). Da un punto di vista meramente biologico, la finestra temporale migliore per avere un bimbo è tra i 16 e i 28 anni, periodo in cui la donna raggiunge il massimo della fertilità e, soprattutto, la gravidanza incontra meno rischi per la salute della mamma e del piccolino.

Quali sono i rischi di diventare mamma dopo i 40 anni?

- Aumenta il rischio di patologie cromosomiche (è dunque particolarmente fondamentale la diagnosi prenatale).

- Aumenta il rischio di aborto spontaneo e quindi di non riuscire a portare a termine la gravidanza. Ovviamente, questa conseguenza è strettamente collegata alle anomalie cromosomiche: l'aborto è una sorta di selezione naturale.

- Sono maggiori le malattie ginecologiche di cui la donna potrebbe soffrire, come i fibromi uterini.

- Potrebbero subentrare problemi quali ipertensioni, disfunzioni della tiroide, problemi di coagulazione, tutte patologie legate all'età.

- Rischio maggiore di sviluppare il diabete gestazionale.

- Aumenta il rischio di parto premature e mortalità perinatale.

- Rischio maggiore di dover ricorrere a un taglio cesareo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY