CONSIGLI DI VIAGGIO

Come affrontare i pericoli in montagna

LEGGI IN 4'

Alla domanda mare o montagna rispondi sempre “Montagna!” 

La adori, soprattutto d'estate, perché tutte quelle passeggiate all'aria aperta ti fanno bene all'umore e ti tengono in forma. Il contatto con la natura, i panorami di cui puoi godere e il senso di libertà che provi quando arrivi sulla cima sono sensazioni impagabili.

Poi c'è anche il trekking, il canyoning, il free climbing, le ferrate: attività bellissime che richiedono però un certo grado di sicurezza.

Ma anche con tutta la prudenza del mondo se accade qualcosa cosa si fa?

Temporale e fulmini

In montagna è molto difficile prevedere brutto tempo e temporali, che spesso non ci lasciano il tempo di metterci al riparo come si deve.

Prima: guarda le previsioni del tempo mentre pianifichi il percorso dell'escursione ed integrale con un'osservazione in tempo reale delle condizioni meteorologiche. 

Durante: se stai camminando e vedi che le condizioni meteorologiche peggiorano impedendoti di continuare la tua scalata, torna indietro o comunque scendi di quota evitando percorsi esposti come creste, guglie o vette. In un temporale i fulmini sono l'elemento più temibile.

La prima cosa da fare è allontanarti dagli alberi, anche se d'istinto ti verrebbe voglia di cercare riparo sotto la vegetazione alta; allontanati anche da tralicci e cavi elettrici, che rischiano di scaricare a terra l'elettricità.

Deposita gli oggetti metallici (anelli, collane, orecchini, piccozza, moschettoni, etc) ed evita di stare vicino a oggetti che sono buoni conduttori di elettricità, come le vie attrezzate e le scale in ferro.

Non sdraiarti per terra, piuttosto rannicchiati a piedi uniti e con le ginocchia raccolte cercando di stare a distanza di qualche metro dai tuoi compagni di viaggio.

Infine riprendi il cammino solo quando il tempo lo permette e ti senti al sicuro, non prima!

Morso di vipera

Le vipere generalmente non mordono gli esseri umani se non vengono direttamente sollecitate, in più se sei in cammino, le vibrazioni che i passi producono sul terreno le mettono in fuga. Diverso è da fermi, sdraiati sull'erba o in prossimità di sassi. 

Prima: non infilare le mani fra sassi, intercapedini o fessure nel terreno, potresti involontariamente disturbare una vipera. 

Durante: se vieni morsa e la parte colpita è un braccio o una gamba devi isolare il veleno. Stringi l'arto con un laccio o con una fasciatura circa 5 cm più in alto del morso. Sarebbe conveniente muoversi poco e lavare la ferita con acqua ossigenata o in mancanza di questa, con dell'acqua e tamponare con una garza sterile. Per aspirare il veleno ci sono delle coppette che sarebbe opportuno portare sempre con sé durante le escursioni in montagna.

Se non è possibile stringere con una fascia la zona colpita perché si tratta di collo, tronco o testa applica un adesivo elastico che possa comprimere la parte interessata dal morso in modo da ritardare la diffusione del veleno. In questo modo i sintomi vengono ritardati e ti danno qualche ora per raggiungere il soccorso più vicino.

Infortunio: ferite e fratture

In caso di ferita la cosa fondamentale è pulire il taglio e rimuovere eventuali corpi estranei, dopodiché se il sangue fuoriesce ancora bisognerà comprimere i vasi sanguigni a monte della ferita per tamponare l'emorragia. Se hai con te garze sterili e cerotti è il momento di usarli, se no adopera un fazzoletto o una bandana per fermare il sanguinamento.  

In caso di frattura è bene non far muovere l'infortunato, cercando di immobilizzare l'arto con una fasciatura quanto più possibile rigida, vanno bene anche cose che trovi sul momento e oggetti di fortuna, come il tuo bastone da trekking, il ramo di un albero, o l'asta di un ombrello. 

In ogni situazione in cui lo ritieni necessario e in caso di ferite gravi chiama i soccorsi alpini che si organizzeranno per venire in tuo aiuto (se sei in Europa il numero da digitare anche da cellulare è il 112).

Colpo di calore

Se un tuo compagno di viaggio è vittima di un colpo di calore come devi comportarti?

Innanzitutto portarlo in un luogo più fresco, dove ci sia dell'ombra o dell'aria fresca.

Aiutalo a sdraiarsi sulla schiena se è cosciente, se invece è incosciente sdraialo lateralmente in posizione di sicurezza.

Togli tutto quello che può impedirgli di respirare e muoversi agevolmente, magliette a collo stretto, pantaloni stretti, giubbini.

Con una garza o un fazzoletto imbevuti di acqua fredda applica degli impacchi sulle giunture, caviglie e polsi, dietro la fronte, sul collo e poi piano piano sulle braccia e sulle gambe. Quando vedi che si è ripreso idratalo con dell'acqua, acqua e zucchero, acqua e sale. 

Freddo, vento, sole e punture di insetti: cosa devi mettere nello zaino

Utilizza uno zaino adatto alla montagna, di materiale idrorepellente, con tante tasche porta oggetti, con le stringhe regolabili sulle spalle e sui fianchi e il fondo rinforzato. 

Dentro lo zaino non può mancare:

  • un k-way per la pioggia 
  • una felpa pesante o un maglione di lana per un freddo improvviso 
  • un cambio di t-shirt, per evitare che il sudore e il vento possano darti fastidio 
  • una borraccia d'acqua per non rimanere disidratata durante lo sforzo fisico
  • un coltellino multiuso
  • un repellente contro gli insetti (ce ne sono comodissimi della VAPE, antipuntura in vari formati, spray, salviette o lozione e cerotti e gel dopo puntura)
  • una buona crema solare per prevenire le scottature (più vai in alta quota più il sole è forte) e uno stick protettivo per le labbra
  • un cappellino per scongiurare insolazioni e proteggere la testa dal sole
  • occhiali da sole 

In generale non avventurarti mai da sola, andare in gruppo significa avere qualcuno che ti aiuta se sei in difficoltà o in caso di emergenza. Lascia comunque detto dove vai in albergo, alla guida se ti allontani, al rifugio, e porta con te i numeri telefonici utili della zona.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY