IN FORMA

Esercizi di Kegel: cosa sono e perché si fanno?

LEGGI IN 2'

Gli esercizi di Kegel prendono il nome dal ginecologo che li ideò negli Stati Uniti, negli anni Cinquanta, periodo in cui – dopo alcuni studi specifici – lo studioso capì l’importanza e la funzione dei muscoli che caratterizzano il pavimento pelvico femminile. 
Questi esercizi, infatti, hanno l’obiettivo di far contrarre e rafforzare la muscolatura che caratterizza il perineo e vengono prescritti da ginecologi ed ostetriche nei casi di incontinenza urinaria e vescica iperattiva, specie dopo una gravidanza o durante la menopausa.

Naturalmente, è sempre opportuno rivolgersi al proprio medico, ma nell’attesa del suo consulto, svolgere regolarmente questo tipo di esercizi aiuta a migliorare subito la situazione, alleviando il disturbo. Praticare almeno due volte al giorno, per cinque-dieci minuti, gli esercizi di Kegel aiuta non solo ad avere una maggiore consapevolezza della propria corporeità, ma consente soprattutto di gestire e capire meglio gli stimoli della minzione, andando in bagno solo quando è davvero necessario, solo a vescica piena.
 Per iniziare questa serie di esercizi, occorre sdraiarsi sul letto (o anche su un tappetino da palestra), piegare le gambe, mantenerle leggermente divaricate e rilassarsi completamente per qualche secondo mantenendo le braccia lungo i fianchi.


A questo punto occorre individuare il muscolo del pavimento pelvico (cosa non semplice) per poterlo poi contrarre e rilassare con gli esercizi. Per capire di quale parte del corpo si tratta, basta immaginare di voler fermare il flusso dell’urina: la zona pelvica che viene contratta in questa situazione è il muscolo in questione. 
Una volta identificato, dovrai contrarre il muscolo per 3-4 secondi e poi rilassarlo gradualmente fino a tornare alla situazione di partenza. Al momento della contrazione, dovrai espirare aria, mentre nel momento in cui inizierai a rilassarti dovrai inspirare. L’importante è riuscire a contrarre solo il muscolo del pavimento pelvico, evitando di irrigidire anche le gambe. 


Questo movimento va ripetuto almeno altre 3-4 volte a sessione e 2-3 volte al giorno per una decina di giorni, o fino a quando il problema della minzione frequente non sarà rientrato almeno parzialmente. 
Questi esercizi così mirati, infatti, – sebbene non siano facilissimi e immediati da eseguire soprattutto all’inizio – permettono di attenuare il disturbo della vescica iperattiva già dopo pochi giorni. L’obiettivo degli esercizi di Kegel è contrarre il muscolo pelvico tenendo la posizione più a lungo possibile. 


Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY