GRAVIDANZA

Vitamine e acido folico in gravidanza

LEGGI IN 2'

Come integrare in dolce attesa

Il falso mito che in gravidanza si debba mangiare per due è stato sfatato ormai da tempo, ma al contrario è stato confermato che alcune vitamine e alcuni sali minerali siano sicuramente necessari in gravidanza in dosi maggiori rispetto ad altri periodi della nostra vita.

L'acido folico

È il caso ad esempio, dell'acido folico, chiamato anche vitamina B9 o folacina. Questa vitamina è contenuta soprattutto in alcune verdure (asparagi, cereali integrali, legumi, broccoli, spinaci) e in massima quantità negli ortaggi a foglia verde. L'insalata a foglia larga è quindi uno degli elementi da prediligere per assumere acido folico: soprattutto per il fatto che esso tende a disperdersi durante la cottura, e quindi tutti questi alimenti andrebbero consumati preferibilmente freschi.

Quando e quanto

Spesso l'acido folico viene prescritto dal medico sotto forma di integratore nel primo trimestre di gravidanza, o addirittura prima del concepimento, in donne che stiano cercando di diventare madri. Esso è utile soprattutto durante lo sviluppo del condotto neurale, una parte del feto che si sviluppa quasi subito, e dal quale si originano il sistema nervoso centrale e la colonna vertebrale.
La dose minima giornaliera raccomandata è di 0,4 mg, quantità che sembra ridurre del 30-40% la possibilità di malformazioni del sistema nervoso centrale. Tale quantità, se aumentata fino a 5 mg al giorno, può ridurre i difetti fino al 70-80%. Oltre la ventesima settimana di gestazione l'assunzione di acido folico diventa superflua.

Fa bene al bimbo, fa bene alla mamma

Oltre a prevenire malformazioni nel feto, l'acido folico aiuta anche lo stato di salute della mamma,  tenendo sotto controllo soprattutto l'ipertensione gravidica, che potrebbe sfociare in gestosi. Le donne celiache facciano attenzione: il loro disturbo pregresso potrebbe impedire un reale assorbimento dell'acido folico.

Le altre vitamine

C, D, E: sono queste le vitamine preferite dell'alfabeto per una donna in dolce attesa. La vitamina C, contenuta in grande quantità in agrumi e kiwi, rafforza soprattutto le difese immunitarie.
La vitamina D invece è fondamentale per l'assorbimento del calcio, e quindi per coadiuvare lo sviluppo del sistema osseo del feto. Durante il settimo mese di gravidanza è possibile che il medico prescriva una fiala di vitamina D, da aggiungere a una dieta ricca di pesce azzurro.
Infine la vitamina E, anch'essa utile nella prevenzione della gestosi, grazie al suo forte potere antiossidante: per assumerne la giusta quantità introducete nella vostra dieta frutta secca e cereali integrali.


Scopri anche le caratteristiche dell'acido ialuronico!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione