CRESCITA

Crescere bambini intelligenti

LEGGI IN 3'

Quello che ci suggerisce la scienza, dopo diverse ricerche che lo confermano, è che i geni dell’intelligenza infatti siano portati dal cromosoma X, e come sappiamo, le donne ne hanno due mentre gli uomini ne hanno uno. Il padre, quindi, nello sviluppo cognitivo di un figlio, a livello genetico, conta ben poco.

È quindi la madre a contribuire maggiormente allo sviluppo dei centri del pensiero nel cervello del figlio. La genetica, però, non è l'unico fattore che determina lo sviluppo delle capacità cognitive dell’individuo, solo parte dell'intelligenza è ereditaria, il resto viene determinata dall’ambiente in cui il figlio cresce, dagli stimoli che ha, dall’educazione e dall’istruzione, dal contatto fisico ed emotivo con le persone, prime fra tutti la madre e il padre. 

All’intelligenza è intimamente legata la competenza emotiva: la sicurezza che i genitori possono infondere permette al bambino di esplorare il mondo con più slancio, di risolvere i problemi con maggiore fiducia in sé stesso, di raggiungere il suo potenziale presto e meglio.

Non è quindi solo compito della madre contribuire all’intelligenza del proprio figlio, è la famiglia stessa che nella sua complessità e nel quotidiano ne determinerà l’identità e quindi anche alle sue abilità intellettive

È primariamente nel nucleo familiare che il bambino acquisisce competenze comunicative, stabilisce i suoi valori, la morale, sviluppa la sua intelligenza emotiva e l’empatia. Come puoi favorire questo processo? Con 4 consigli di base.

  • Infondi fiducia

Genitori positivi e propositivi favoriscono lo sviluppo nel bambino dei suoi talenti dal punto di vista intellettuale ed emotivo.

Dai attenzione a tuo figlio, infondigli sicurezza, fatti vedere coerente con i tuoi valori e con ciò che gli trasmetti, fallo sentire compreso quando sbaglia e complimentati con lui quando raggiunge un obiettivo, prende un bel voto, si mostra sensibile verso altri.

Affidagli incarichi, fagli prendere delle piccole decisioni, avendo fiducia in lui e trasmettendogliela svilupperai il suo senso di responsabilità.

  • Stimola il suo linguaggio 

Il linguaggio si stimola sia con la produzione linguistica che con l’ascolto. Soprattutto nelle prime fasi dell’infanzia leggigli delle storie, inventa per lui dei racconti: sarà un bel modo, gioioso e piacevole, per lui, per prendere dimestichezza con la lingua. Le storie, i libri letti e raccontati contestualizzano le parole e lo aiutano a sviluppare più in fretta il suo vocabolario che userà per catturare la realtà intorno a lui.

  • Coinvolgilo in attività creative e ricreative

Pittura, musica, danza, sport: tutte attività ricreative che stimolano il cervello del bambino. Ma attenzione a non esagerare: anche il relax e le pause possono essere momenti creativi. I bambini vanno incoraggiati non per soddisfare noi stessi e le proiezioni che abbiamo su di loro, bensì per assecondare le loro propensioni e favorire la loro crescita. 

  • Accresci la sua curiosità

La sua voglia di sperimentare le novità va assecondata così come il suo spirito di osservazione.

Per esempio igiochi di deduzione, all’aperto, da solo, con te o con gli altri bambini, che allenano la concentrazione, la memoria, e la percezione di sé nello spazio, mettono in campo le abilità e le dinamiche che utilizzerà da grande per rapportarsi al mondo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione