CRESCITA

Tuo figlio è emotivo? Valorizza la sua sensibilità e la sua resilienza

LEGGI IN 3'

Siamo sempre state abituate a pensare che l’emotività sia un sentimento controproducente e squalificante. Vale per gli adulti e vale, soprattutto, per i bambini che spesso reagiscono alle situazioni esterne con timidezza, pianti e apparente fragilità. Si ha sempre paura che siano troppo sensibili e incapaci di farsi rispettare anche con i loro coetanei: temiamo che quelle lacrime, trattenute o versate, siano il segno della loro debolezza in un mondo che a volte sa essere crudele. Ci chiediamo: e se non avessero gli strumenti per difendersi? Ma davvero questa particolare caratteristica, laddove è spiccata, va limitata e arginata oppure è da mettere a valore?

Ci sono bambini che tendono a essere maggiormente suscettibili di fronte agli input esterni, sia che questi siano rappresentati da momenti di gioco con altri compagni sia che provengano dagli adulti. A volte rimangono feriti perché esclusi dal gruppo, altre volte perché sono presi in giro oppure perché sono rimproverati. In ogni occasione si sentono come le vittime prescelte e rischiano di elaborare un’immagine di sé negativa e fallimentare.  

Come fare per rassicurarli e far capire loro che la normalità ha diverse sfumature, alcune delle quali non piacevoli, e questo vale per tutti? Prima di tutto, bisognerebbe pensare che l’emotività sia un valore da allevare fin da quando si è piccini per diventare adulti consapevoli ed empatici in grado di relazionarsi con gli altri grazie alla comprensione reciproca. La sensibilità è una caratteristica preziosa che non deve essere soffocata dall’idea che ci esponga con più facilità al pericolo e al dolore.

Uno studio dello psicologo John Gottman, durato anni, ha dimostrato che l’intelligenza emotiva non è frutto di una dote innata ma il risultato di un lavoro di educazione anche da parte dei genitori, ed è alla base del successo per un uomo adulto: "I nostri studi dimostrano che i figli emotivamente allenati ottengono migliori risultati a scuola, stanno meglio in salute e stabiliscono reazioni più positive con i coetanei. Hanno anche minori problemi di comportamento e riescono a riprendersi più rapidamente dopo esperienze negative. L'intelligenza emotiva permette di essere più preparati ad affrontare i rischi e le sfide della vita”.

Per questa ragione è importante non avere pregiudizi nei confronti dell’emotività di un figlio e agire, invece, per fortificarlo. Un bambino in grado di affrontare difficoltà dovute alla sua sensibilità, sarà anche un individuo resiliente, capace di risollevarsi e mettere a frutto le sue esperienze negative per diventare più forte.

Come fare per aiutarlo? Ecco 3 consigli semplici:

1. Reagisci positivamente ai suoi pianti e sostienilo

Fai capire a tuo figlio che le difficoltà fanno parte della vita normale, che se un compagno ha deciso di non giocare con lui non c’è niente di personale, ma è solo una questione di momenti: può trovare qualcun altro con cui stare. Convincilo che non deve avere paura di sbagliare o fallire, perché c’è la possibilità di ritentare e dove non c’è, può tranquillamente scoprire altre passioni.

2. Tenta di capire le sue caratteristiche e indirizzalo senza forzarlo

I bambini emotivi sono più sensibili di altri: sono un diamante grezzo da lavorare. Per questo molte volte fanno fatica ad adattarsi al “branco”. Come fare allora per renderli socievoli e non mostrarsi troppo iperprotettivi? Tenta di capire quali sono i suoi potenziali e le sue capacità e, se vedi che il calcio non fa per lui, anche se giocano tutti i suoi compagni di scuola, indirizzalo verso uno sport di nicchia dove non sarà preso in giro perché scarso e potrà mettere in luce le sue capacità.

3. Crea giochi per farlo chiacchierare

I bambini con una spiccata emotività hanno bisogno di un confronto continuo che a volte li rassicuri. Per capire cosa lo ferisce o i suoi punti più delicati prova a farlo parlare anche solo trasformando quella piccola chiacchierata analitica in un gioco divertente. Un esempio? “Inventiamo una storia…”. È probabile che, abbattendo le difese in quel momento, tuo figlio proietti le sue emozioni nel racconto. Sfrutta ogni indizio per conoscerlo meglio.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
D'alessandro

INTERESSANTE

2 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY