LAVANDERIA

Come eliminare le macchie di caffè dai tessuti in modo efficace

LEGGI IN 2'

Il caffè ci aiuta a darci una buona sveglia la mattina, quando il nostro cervello è ancora semi addormentato. Eppure, se non facciamo attenzione agli schizzi e ai rovesciamenti da peccato di distrazione, il caffè si può trasformare in una bevanda nemica dei nostri vestiti, rendendoci difficile un lavaggio che non lasci aloni.

Le macchie di caffè sui tessuti sono infatti un vero osso duro, che però possiamo sconfiggere agendo in maniera tempestiva e adeguata. Innanzi tutto ricordiamoci che le chiazze marroncine lasciate dalla caffeina, vanno trattate esclusivamente con l'acqua fredda, perché quella calda può ampliare la macchia stessa.

Mettiamo sotto il getto del rubinetto il capo da trattare, avendo cura di bagnare bene sia il fronte sia il retro della zona sporca, il tutto tenendo il tessuto ben tirato. A questo punto versiamo una piccola noce di detersivo per indumenti al centro della macchia e strofiniamo con le dita con movimenti circolari, fino a quando tutta l'area non è ben insaponata.

Lasciamo agire qualche istante e poi sciacquiamo con aceto bianco (tanto per capirci, quello trasparente), che ha un buon grado di acidità ed è quindi più efficace dell'acqua per eliminare i residui di sporcizia dalle fibre. Se serve ripetiamo l'operazione di insaponamento e successivo risciacquo per una seconda volta.

Se notiamo che l'alone è ancora un po' evidente, possiamo passare sulla zona macchiata del sapone di marsiglia o uno smacchiatore liquido, lasciando agire il prodotto per il tempo indicato sulla confezione. In ambo i casi useremo sapone o smacchiatore come pretrattante, prima di mettere a lavare il capo in lavatrice.

Programmiamo il macchinario come di consueto, con il ciclo più adatto al tipo di capo. Se si tratta della classica camicia di cotone bianco, va bene l'apposito ciclo a 40° C. Inutile e anzi dannoso aumentare la temperatura per smacchiare, perché rischieremmo di rovinare i tessuti.

Se il capo non è delicato né colorato, possiamo anche lasciarlo a bagno in acqua e candeggina o trattarlo con il perossido di idrogeno, applicando il prodotto sulla zona macchiata e lasciando agire per mezzo minuto prima di sciacquare via.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione