SALUTE E BENESSERE DEGLI ANIMALI

Come educare un cucciolo a fare i bisogni senza sporcare in casa

LEGGI IN 2'

Quando si decide di adottare un cucciolo, aprendo la propria casa all'arrivo di un nuovo componente in famiglia, è assolutamente importante stabilire delle regole molto rigide di educazione, al fine di rendere la convivenza piacevole e assolutamente serena. Mettere delle abitudini ferree è utile sia a noi umani, sia ai nostri pet, che così sapranno cosa devono e non devono fare, evitando conseguenze spiacevoli.

Una delle cose da fare assolutamente quando un amico di zampa entra nella nostra vita è insegnargli dove deve fare i bisogni. Questo passaggio è fondamentale soprattutto in caso di adozione di gatti e cani, visto che roditori e uccelli passano la maggior parte del proprio tempo nella gabbietta, già predisposta per accogliere una zona "toilette" tutta per loro.

Nel caso di Fuffy e Fido il discorso invece cambia. Per quanto riguarda i micio, se mamma gatta era domestica e il cucciolo è stato correttamente svezzato, è molto probabile che lei stessa abbia insegnato ai suoi piccoli a fare i bisogni nella lettiera.

Se così non fosse è importante sistemare la cassettina con la sabbietta in un luogo appartato ma accessibile della casa, dove il micio si senta tranquillo di fare i bisognini. Per fargli prendere confidenza possiamo adagiarlo nella lettiera, in modo che senta il contatto con il terriccio minerale.

Per un gatto scavare per nascondere le sue deiezioni è importante, quindi se non è la lettiera, molto probabilmente sarà la terra di qualche vaso da fiori a fargli da bagno. Evitiamo il problema spruzzando uno spray dissuasore, se il gatto dovesse mostrare interesse per la pipì fra le piante e per i primi tempi, se Fuffy ancora guarda con diffidenza la lettiera (magari è scomoda, odora di disinfettante o di altri animali), tappezziamo la sua zona con traversine, in modo che non sporchi il pavimento.

Le traversine e i giornali sono utili anche per educare Fido a fare i bisogni. Un cane adulto non ha problemi ad attendere di uscire per pipì e pupù, ma un cane di pochi mesi agisce più d'istinto. Per questo motivo, nei primi tempi, è necessario portare il cucciolo fuori più spesso della norma.

Facciamo sparire i tappeti dalla sua zona e sostituiamoli con traverse impermeabili, dove il piccolo possa fare i bisogni quando non ha il suo umano che lo porta fuori e gli dice che non può farli ovunque. Il "no" preventivo serve molto al nostro animale e lo abitua ad aspettare.

Attenzione a sgridarlo invece, perché il cane potrebbe pensare che il suo umano è scontento perché fa i bisogni in generale e non perché li sta facendo in casa. Il risultato sarà mangiare le sue deiezioni (sì, purtroppo capita molto spesso) per far sparire letteralmente le prove.

Invece lodiamolo quando fa i bisogni fuori di casa, dicendogli "bravo". I cani vivono per compiacere il proprio capo branco e il discorso vale anche in questo caso. Fido felice di aver fatto una cosa buona, mamma e papà umani ancora di più per aver scansato il pericolo di sporcizia in casa.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY