IDEE MAKEUP

Come fare l'ombretto liquido in casa facilmente

LEGGI IN 2'

Il mondo della cosmesi è variegato e sempre molto colorato, ma soprattutto è divertente, perché i belletti possono essere usati così come li acquistiamo o anche personalizzati a piacimento. In casa possiamo infatti fare molti cosmetici partendo da polveri libere e compatte, come l’ombretto liquido, semplice da realizzare.

Un semplice pigmento in polvere può infatti diventare un eyeshadow dalla consistenza più acquosa o cremosa, confortevole all’utilizzo. Tutti gli ombretti in polvere si prestano ad essere una base ottimale per questo, ma i migliori sono quelli minerali o i cosiddetti ombretti cotti, molto più pigmentati e quindi più scriventi.

La polvere libera è poi da preferire a quella in cialda, ma anche in quest’ultimo caso non ci sono problemi, in quanto ci basterà grattare via la giusta quantità di prodotto con una spatolina. Si comincia con una punta di cucchiaino di polvere, da stemperare bene in una ciotolina, aggiungendo due o tre gocce di collirio o soluzione salina al composto.

Il dorso della spatolina ci sarà utile anche per mescolare e ottenere così un ombretto liquido pronto da utilizzare per il nostro make-up occhi. Ma oltre ad usare il prodotto così puro, lo possiamo anche personalizzare mischiandolo all’occorrenza con un pigmento di un altro colore o finish, così da renderlo più adatto al trucco che avevamo in mente.

Con l’aggiunta di polveri glitter possiamo anche trasformare il nostro ombretto liquido in un belletto molto adeguato ad una serata speciale. La porporina per maquillage va aggiunta pochi grammi alla volta fino ad ottenere il risultato voluto, dopo di che possiamo applicare il prodotto sulla palpebra mobile come facciamo di consueto.

Il nostro ombretto liquido può essere fatto in piccole quantità appositamente per il trucco di una sera o anche in dosi più abbondanti, da conservare in una jar di vetro. Ma ricordiamoci sempre di usare pennelli puliti quando preleviamo il prodotto e di non mettere le dita nel contenitore, in quanto si corre il rischio di farlo alterare e di renderlo meno salubre per la nostra zona perioculare.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione